Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Uniti nell'Ulivo- L'Unione  :. Elogio del Partito Democratico
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




mercoledì
21
ottobre
2020
Sant'Orsola e compagne martiri



Elogio del Partito Democratico

di ANDREA ROMANO

In queste settimane ne abbiamo tutti detto peste e corna, in una gara a chi coglieva l’aspetto più bizzarro e discutibile della lunga vigilia del Pd.

I piccoli e grandi giochi di potere dietro la gara dei candidati alla leadership, la logica spartitoria che ha governato le liste, i rituali con cui si è andata organizzando quella sorta di oligarchia multietnica destinata a presidiare i resti dell’Ulivo.
Tutto vero.
Eppure domenica, finalmente, la politica italiana varcherà una soglia che attendeva da tempo di essere superata.
E con la formazione del Pd sarà compiuto un passo importante nella direzione giusta, quella di una democrazia bipolare ordinata intorno a famiglie politiche omogenee non per storia pregressa ma per visione del Paese.
Per questa ragione, a due giorni dal voto di domenica, vale la pena fare un passo indietro.
Mettendo qualche distanza tra le scene non sempre edificanti che hanno segnato queste settimane e il senso più vero di quanto sta avvenendo.
Perché quel senso è largamente migliore di quanto non potrebbe apparire se ci fermassimo ai maneggi e ai retroscena, peraltro inevitabili in un passaggio che ridistribuisce potere e visibilità.

La politica italiana non ne uscirà certo miracolata, come suggerisce l’abbondante retorica ufficiale, ma molti sono i benefici che potranno derivarne fuori e dentro i confini del centrosinistra.

A destra, il fisiologico declino della leadership berlusconiana potrà essere l’occasione per un analogo processo di aggregazione tra forze che da tempo condividono nei fatti un’idea dell’Italia, pur venendo da storie lontanissime.

Dall’estrema sinistra, se il disordinato cantiere della Cosa rossa riuscirà a condividere un metodo e un traguardo, potrà venire un contenitore capace di dare confini finalmente precisi alle spinte identitarie di varia affiliazione.

Ma soprattutto nel cuore del centrosinistra, dopo quindici anni di confusa transizione, il riformismo maggioritario e di governo potrebbe finalmente trovare la propria definitiva dimora.
D’altra parte i benefici possibili vanno ben al di là delle architetture politologiche, con la nascita di un soggetto che da domani potrebbe impegnarsi concretamente ad assorbire e contenere la deriva antipolitica dell’elettorato con una strategia dei fatti e dell’innovazione assai più che con gli appelli ai buoni comportamenti civili.

Sono risultati da non sottovalutare, alla vigilia di elezioni primarie che d’ora in avanti rappresenteranno un precedente del quale nessun partito potrà sbrigativamente fare a meno per la scelta del leader. Risultati a cui il centrosinistra arriva in ritardo, sotto la pressione di una crisi politica ormai conclamata, ma che consegnano alla politica italiana una risorsa preziosa e destinata a sopravvivere ai destini personali dei suoi stessi promotori.
Perché uno dei tratti del Pd è nel suo appartenere al Paese assai più che ai suoi fondatori.
O almeno, è in questa luce che dovrebbe essere visto per coglierne tutte le implicazioni positive.
Perché se è vero che i figli conservano i lineamenti dei genitori, i padri del Pd mostrano tutti i segni delle sconfitte individuali e di gruppo da cui sono stati spinti a questo passo.
Se ci fermassimo alle tare ereditarie, non resterebbe che guardare con rassegnazione all’ennesimo tentativo di sopravvivenza messo in atto da una generazione politica ormai debole e logorata.

Eppure quel loro figlio è qualcosa di più della sommatoria dei difetti dei padri.
E la sua capacità di funzionare da reale strumento di rinnovamento del Paese, di cui sembra possedere i presupposti, dipenderà ora da quanto i genitori saranno capaci di lasciarlo finalmente andare per la propria strada.
Andrea Romano, La Stampa del 12 ottobre 2007


pubblicazione: 13/10/2007

Andrea_Romano 13598
Andrea_Romano

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Uniti nell'Ulivo- L'Unione



visite totali: 1.607
visite oggi: 1
visite ieri: 3
media visite giorno: 0,33
[c]




 
Schede più visitate in Uniti nell'Ulivo- L'Unione

  1. Clemente Mastella : L'Ulivo ha scelto il suicidio.
  2. Prodi: "Io cerco di calmare il clima, ma Berlusconi parla di terrore".
  3. Prodi guadagna più di Sarkozy
  4. Bersani, l’ex chierichetto che ha fatto finta di privatizzare il Paese
  5. Tanta gente e ministri in piazza per i Dico
  6. Polemiche sulla leadership del Pd
  7. ROMANO PRODI
  8. Clemente Mastella dice addio all'Ulivo ?
  9. PRODI HA RASSEGNATO LE DIMISSIONI
  10. Rutelli: «Ulivo più al centro per vincere»
  11. La liberalizzazione di Bersani
  12. FED
  13. Prodi lancia l'Unione.
  14. Il professore e nu bello guaglione.
  15. La macchina della verità.
  16. Il martedì nero di Romano
  17. Intervista a Francesco Rutelli
  18. Nella Margherita il rischio scissione
  19. Barbera: De Rita centra il tema, i Ds parlino alla base
  20. La barca di D’Alema pagata a uno sportello della Lodi
  21. A chi parla la Quercia
  22. LA RETE OLTRE I PARTITI
  23. L’abbaglio democratico.
  24. Rutelli: sono addolorato.
  25. Fassino a che Italia si rivolge?
  26. La Margherita e Prodi. Strategia dei distinguo.
  27. Rosy Bindi: «Sono naturale, non brutta»
  28. PANE E CICORIA.
  29. Prodi: «Io duro perché faccio»
  30. Ruffolo: il blocco sociale? Nasce con il programma
  31. I leader evitino l' ego politico e parlino di speranza e sviluppo
  32. Chiamparino:«È ora di punire chi si droga»
  33. Professor Ottovolante
  34. Ricucire la sinistra.
  35. Rutelli accusa Prodi: dividi l' Ulivo

esecuzione in 0,173 sec.