Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Sindaco  :. Dosi lascia : troppo pesante andare avanti.
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




mercoledì
21
aprile
2021
Sant'Anselmo d'Aosta



Dosi lascia : troppo pesante andare avanti.

di FILIPPO MULAZZI

Paolo Dosi ha scelto: non si ricandiderà a sindaco di Piacenza per il Partito Democratico.

Non vuole trascurare l’allarme che il suo corpo gli ha lanciato nel dicembre 2015, quando fu colpito da una leggera ischemia, malore che lo costrinse a un riposo forzato di qualche settimana.
Al tempo stesso non vuole più rinunciare a sostenere sulle sue spalle alcuni impegni familiari. La scelta, alla luce di queste ragioni, è da rispettare.

Il sindaco “tentenna” la sua decisione l’aveva presa già da tempo.
Non voleva farla sapere per non indebolire l’operato della Giunta e per non innescare subito la guerra tra bande rivali nel Pd.
La sua scelta va rispettata anche perché, nella vita, tutti dovremmo capire, se siamo sinceri prima di tutto con noi stessi, quando è tempo di “smettere” qualcosa.
Il suo è un ritiro dignitoso dalla corsa per le Amministrative del 2017.
Il lavoro a Palazzo Mercanti è «pesante», ci vuole grinta e determinazione.

Forse c’è anche la presa d’atto che il suo cammino sarebbe stato irto di ostacoli, e quelli più insidiosi li avrebbe trovati proprio nel suo partito, il Pd.
Sarebbe stato impossibile, alla luce di quanto successo in questi quattro anni e mezzo in Giunta – con un pesante rimpasto di nomi e deleghe – e in consiglio comunale - dove abbiamo perso il conto delle dimissioni rassegnate e annunciate, delle frizioni, dei “franchi tiratori” che hanno fatto andare sotto l’Amministrazione – avere l’appoggio non solo della coalizione, non solo del suo partito, ma anche della corrente renziana.

Ecco allora il gesto di responsabilità del sindaco.
Farsi da parte, un po’ come fece l’economista Giacomo Vaciago, unico prima di Dosi a non tentare il bis: Gianguido Guidotti non ci riuscì nel 2002, mentre Roberto Reggi trionfò nel 2007.
Un po’ come ha fatto Giuliano Pisapia a Milano quest’anno: niente secondo mandato, spazio agli altri, io ho già dato.
Una soluzione che va bene a tutti, nel partito.

Ma il paragone più vicino è quello con Francois Hollande, presidente francese ormai uscente.
Con Hollande le similitudini sono diverse.
Entrambi eletti nel 2012, entrambi senza il physique du rôle dei predecessori e tutti e due scelsero uno slogan elettorale tanto affascinante quanto, a posteriori, infelice.
Il disgraziato “Le changement c’est maintenaint” equivale a “I migliori anni sono davanti a noi” partorito dal creativo Mauro Ferrari.
Nei cinque anni in cui hanno governato, è cambiato tutto, ma in peggio: in Italia, in Francia, e anche nel Piacentino. La crisi economica, i tagli al personale del Comune, i sempre più esigui trasferimenti di risorse dallo Stato agli enti locali sono le giustificazioni richiamate più volte da Dosi nel fare il bilancio di questi anni non facili per un amministratore.

Dosi lascia.
Lascia perché, come ha fatto intendere, ci vuole un bel coraggio a fare il sindaco di questi tempi e ad accollarsi tutte le responsabilità. Lui non ne vuole più, avanti un altro.

Ora viene il bello: si cerca di capire chi sarà il Manuel Valls piacentino e piddino – anche al femminile - in grado di difendere Palazzo Mercanti dall’assalto del centrodestra e del Movimento 5 Stelle. La strada sarà lunga.


da www.ilpiacenza.it


pubblicazione: 18/12/2016

 19351

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Sindaco



visite totali: 1.012
visite oggi: 1
visite ieri: 2
media visite giorno: 0,63
[c]




 
Schede più visitate in Sindaco

  1. Erano le 10 cose importanti del programma di Roberto Reggi
  2. Chi è Roberto Reggi
  3. Maratona pericolosa
  4. Sgarbi bacchetta Reggi per Gaspare Landi.
  5. Blitz delle “Iene” in municipio a colloquio con Reggi e la Fellegara
  6. Parte la missione “Porta d'Oriente”
  7. Reggi è tornato dalla Cina.
  8. Soldi a Gambardella, Polledri contro Reggi
  9. Reggi querela Sgarbi.
  10. DELUSO DA REGGI.
  11. Dio lo vuole ! Reggi e la serie B
  12. Primarie per Reggi : farà ancora il sindaco o l'onorevole?
  13. Reggi espone la bandiera della pace
  14. Nel futuro bus gratis per tutti.
  15. Al telefono col Sindaco Reggi (prima parte)
  16. L'atto di accusa di Reggi al suo ex assessore
  17. Reggi in India a Vayithiri.
  18. LA VITTORIA DI REGGI
  19. Grillo: Reggi ha un conflittino di interessi.
  20. In Tesa e Tempi voglio persone di fiducia
  21. Ex Acna, ho denunciato Reggi e l'Amministrazione.
  22. Al telefono col sindaco Reggi (seconda parte).
  23. Cala il gradimento....
  24. Reggi liquida Gelmini.
  25. Menefreghista dell'anno.
  26. «Inizia il tempo delle svolte culturali»
  27. Reggi conquista Piacenza
  28. Reggi : ora Centropadane mi ascolta
  29. Il sindaco va in Cina (chi paga ???? )
  30. L'ascolto del sindaco Reggi.
  31. Il Reggi castigamatti scatena la polemica
  32. Il sindaco Reggi "scivola" sui pasticcini del Balzer.
  33. Bioetica e famiglia : politica locale e valori evangelici.
  34. Dosi: «Sarò sindaco di tutti»
  35. Reggi in rotta di collisione coi vigili ed il personale comunale.

esecuzione in 0,140 sec.