Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Programma  :. Dosi : "Solo una catena alberghiera può farcela"
sottocategorie di Programma
 :. AREE MILITARI-BENI DEMANIALI




martedì
11
agosto
2020
Santa Chiara



Dosi : "Solo una catena alberghiera può farcela"

L'annunciata chiusura dello storico Albergo Roma di Piacenza fa clamore.
Dopo la conferma da parte del gestore dello stop definitivo il 30 giugno, nessuna dichiarazione è finora arrivata dalla proprietà (società che fa capo alla Cementirossi).
L'impressione, che aleggerebbe nell'aria ma che al momento non gode di nessuna conferma ufficiale, è che l'impiego dell'immobile a struttura ricettiva resterà, anche se non si conoscono gli eventuali tempi di subentro nè tanto meno è possibile ipotizzare il nome di chi potrebbe opportunamente riaprire lo storico Grande Albergo Roma.

«Eravamo a conoscenza di questa partita - si è limitato a considerare il sindaco di Piacenza, Paolo Dosi - in cui il contratto andava in scadenza e per l'attuale gestore non esistevano più le condizioni economiche per proseguire. Non posso promettere, a questo punto che la proprietà garantisca un nuovo gestore, ma posso augurarmelo. Purtroppo la chiusura del 30 giugno cade in pieno Expo. Anche nell'ipotesi di un celere passaggio di consegne non si potrebbe evitare un tempo di fermo». Più avanti il sindaco, parlando di «strutture onerose e complesse» come è appunto l'Albergo Roma riflette: «Oggi solo una catena alberghiera potrebbe avere la forza economica di subentrare. Ci auguriamo che chi subentrerà nella gestione lo faccia comunque nel rispetto e nella consapevolezza di ciò che è il luogo», conclude Dosi.

Giovanni Villazzi (referente sindacato albergatori per Confcommercio), che già ieri aveva espresso il suo rammarico per la sofferta decisione maturata dalla famiglia dei gestori, i Prati, mette sul piatto della bilancia gli «enormi costi fissi di strutture come le nostre, energia, luce, gas, acqua rifiuti. Al governo non chiediamo agevolazioni a fondo perduto, ma vogliamo pagare il giusto: un albergo come il Roma produce rifiuti come un appartamento ma paga ben di più.
Altro discorso è il ristorante.
La proprietà del Roma al momento non si sbilancia, ma l'augurio è che si riapra. Una catena alberghiera? Piacenza può essere appetibile, a loro serve visibilità anche su piazze minori».

Quanto ai politici piacentini a Roma Villazzi rivolge un appello: «Agire per il territorio, per il suo tessuto economico che sta purtroppo perdendo pezzi fino a diventare un deserto». Apprende «con infinita tristezza» la notizia della chiusura del Roma il presidente della Camera di Commercio Giuseppe Parenti, «dobbiamo preoccuparci di questi campanelli d'allarme e cominciare a ragionare in maniera diversa: si investe per le nuove imprese, ma sarebbe opportuno aiutare anche quelle esistenti, oppresse da carichi fiscali e burocratici enormi».

Al momento dalla rete ricettiva piacentina non si registrano richieste da parte dei futuri visitatori di Expo: «Ma a maggio sicuramente le prenotazioni partiranno anche per Piacenza - valuta Giovanni Struzzola (presidente Asshotel) - l'Albergo Roma, uno dei punti di riferimento, non ci sarà. L'auspicio è che, se vi saranno chance di riapertura questa avvenga in tempi più che celeri o che si posticipi la chiusura».

Rammarico non solo per la notizia dell'uscita di scena degli storici gestori del Roma ma anche per la tempistica della procedura - stop quasi concomitante ad Expo - è quanto viene espresso da Confindustria e dal suo direttore Cesare Betti: «Anche se siamo convinti che, nei tempi tecnici che saranno richiesti, la struttura continuerà a vivere da albergo». «Ragionevole ottimismo» trapela anche dal presidente, Emilio Bolzoni: «Siamo tutti molto legati a questa realtà, la notizia dell'uscita di scena dei Prati ci rattrista. E tuttavia io sono convinto che la città non perderà questo albergo».
Simona Segalini
LIBERTA' 14/02/2015


pubblicazione: 14/02/2015
aggiornamento: 18/02/2015

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Programma



visite totali: 1.207
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,60
[c]




 
Schede più visitate in Programma

  1. Cinque opere per dare un volto alle piazze periferiche
  2. La maxi-variante commerciale.
  3. Aree militari, cerchiamo alleanze
  4. Una donna al comando dei vigili urbani di Piacenza.
  5. Palazzo uffici, vince il progetto di Studio & Partners
  6. Con la Nicolai una Pilotta piacentina
  7. TERZO MONDO.
  8. Aree militari : nuovo business per la città ???
  9. «Qualità urbana, Piacenza sia ambiziosa»
  10. Appalto mense, Cir si allea con Globalchef
  11. Al Jazira, concerto tra le polemiche
  12. Reggi accusa pesantemente Foti e Garzillo
  13. Mense scolastiche a Piacenza : mele, pere ed olio non erano biologici ??
  14. Quale destino per l'area verde di via XXIV Maggio ?
  15. Il sindaco incontra i vigili urbani «Più agenti, presto le assunzioni»
  16. Farmacie srl, insediati i tre amministratori
  17. Intervista a Roberto Reggi : le cose da fare.
  18. I “paletti” di Alberto Squeri sul toto-assessore
  19. Reggi fa il bilancio di metà mandato.
  20. Reggi: «Eredità difficile questa classifica. Lavorerò per verde, sanità e sicurezza»
  21. Ecco la città che la giunta Reggi ha in mente
  22. Ex Unicem, lavori al via.
  23. Nuovo polo militare, ma quanto costa l'area?
  24. Sanità e tempi d'attesa, è polemica.
  25. Spazi all'infanzia in tutti i condomini
  26. Reazioni all'abbandono del piano per il Palazzo uffici
  27. Piano investimenti 2004 : Grande viabilità e un piano parcheggi da 1.400 posti
  28. Aree militari, sì alla task force consiliare
  29. GRANA EX-UNICEM
  30. «Esami medici con meno code»
  31. Piacenza : il nuovo PUT (Piano Urbano Traffico).
  32. CLAMOROSO A PIACENZA
  33. Tavolo sulla farmacia-polo
  34. «Ridurre il traffico per non minare la nostra salute.
  35. Adunata Nazionale Alpini : i primi bilanci

esecuzione in 0,062 sec.