Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Patto per Piacenza  :. Dare gambe alle strategie individuate per Piacenza
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




martedì
5
luglio
2022
Sant'Antonio Maria Zaccaria



Dare gambe alle strategie individuate per Piacenza

di PAOLO RIZZI

Strategico.
Piacenza negli ultimi sette anni ha percorso il controverso cammino della pianificazione strategica territoriale.

Come tante città in giro per il mondo e ormai circa 70 in Italia abbiamo attivato momenti di confronto pubblico, dibattiti e studi sul nostro futuro cercando di definire linee di sviluppo, strategie e progetti specifici che possano dare al nostro territorio opportunità di crescita più sostenibile e soddisfacente per noi e le nuove generazioni.
Forse è ancora presto per fare un bilancio di questa esperienza.

Senza dubbio il primo Patto per Piacenza ha presentato luci ed ombre: tra i circa 30 progetti selezionati solo la metà circa ha trovato effettiva realizzazione e anche tra questi alcuni si sono rilevati almeno contraddittori.
In particolare lo sviluppo del polo logistico di Piacenza, ma anche a Castel San Giovanni e Monticelli, ha portato sicuramente opportunità di lavoro, investimenti e attività economica.
Ancora di più ha dato visibilità a Piacenza, in un tempo in cui anche i territori cercano affannosamente di farsi vedere e di "vendersi" come eccellenza di qualunque cosa.

Eppure guardando Piacenza dall'alto, con le foto satellitari o con le mappature cartografiche, ci accorgiamo di aver trasformato radicalmente i confini della nostra città.

Piacenza è "raddoppiata" con una zona insediativa a est, di dimensioni enormi con costruzioni orizzontali davvero impressionanti.

Col secondo piano, Piacenza 2020, in teoria l'asse si è spostato sulla qualità dello sviluppo e tra i 21 progetti bandiera molti sono quelli riferibili alla sostenibilità: "terra del sole" per promuovere le energie alternative, "una campagna per vivere" per proteggere le aree agricole a sud della città, la metropolitana leggera tra Castel San Giovanni e il capoluogo, il recupero delle aree militari.

Purtroppo dobbiamo dire in teoria, perché ad un anno dalla definizione di questi progetti, solo uno ha visto la luce: il progetto che ha realizzato un centro per bambini e anziani sul Facsal, intervento di alta qualità sociale e culturale.
Mentre gli altri progetti sembrano ancora fermi o in fase di ulteriore definizione.
Soprattutto senza certezza di finanziamento, neanche con il "tesoretto" che dovrebbe arrivare dai fondi di Caorso.

Nelle altre città che hanno come noi elaborato un piano strategico, l'aspetto delle risorse finanziarie è stato senza dubbio presidiato con maggiore cura.
Forse con maggiore serietà.
Cito solo i casi delle due province limitrofe di Lodi e Cremona che stanno traducendo il loro piano strategico in Accordi quadro di sviluppo che vengono in parte finanziati dalla Regione.

L'augurio che allora rivolgo al nostro territorio è quello di proseguire lo sforzo di ripensamento e progettazione strategica con maggiore coerenza e incisività.
Se non abbiamo bleffato in questi anni di riflessione collettiva, dobbiamo in modo altrettanto serio lavorare per dare gambe alle strategie individuate.

Questo ragionamento vale in primis per le istituzioni locali, che dovrebbero con solerzia porsi obiettivi e strumenti per realizzare quando concertato.
A meno di non voler perdere ulteriore credibilità, e sappiamo quanto purtroppo oggi sia scarsa la fiducia dei cittadini verso la politica e le istituzioni pubbliche.

Ma lo stesso discorso vale per i corpi intermedi, le associazioni di categoria e le realtà sociali e culturali, che dovranno continuare con pari impegno a sostenere le scelte collettive intraprese.
Che allora il 2008 sia un anno davvero strategico per la nostra città e la nostra terra.


pubblicazione: 02/01/2008

 13893

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Patto per Piacenza



visite totali: 1.957
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,36
[c]




 
Schede più visitate in Patto per Piacenza

  1. «Più benessere per una elevata qualità della vita»
  2. Sì ai progetti che lasciano un segno
  3. Piano strategico : 4 leve per Piacenza.
  4. Così il Patto può risolvere i problemi
  5. Sì, a Piacenza ci vuole un'altra scossa
  6. E da oggi parte la fase tre: l'attuazione.
  7. Rizzi: non ci sta nessuno a fare l'“inutile” idiota…
  8. Piano strategico, ecco gli otto gruppi di lavoro
  9. Piacenza, laboratorio per vivere bene
  10. Piano strategico, i “distinguo” del centrodestra
  11. Reggi: il “Patto” deve concentrarsi su pochi progetti
  12. Giovani, meno sognatori dei padri
  13. Qualità, la parola chiave del 2020.
  14. Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
  15. Niente auto in centro e tanto verde
  16. Patto, Augusto Rizzi esce di scena.
  17. Piacenza Holding, decollo faticoso
  18. PATTO PER PIACENZA
  19. La Camera di Commercio aderisce al “Patto-bis”
  20. MORTO UN "PATTO" SE NE FA UN ALTRO
  21. Il Piano strategico si rafforza
  22. Il Piano per Piacenza batte cassa.
  23. Un piano strategico per far crescere Piacenza.
  24. Il Patto per Piacenza riparte di slancio
  25. Coesione sociale per diventare vincenti
  26. Vigileremo sul Patto per Piacenza.
  27. Abbiamo sprecato un'occasione.
  28. Il nuovo Patto per Piacenza.
  29. «I talenti investiti nello sviluppo locale»
  30. Piacenza, terra del ferro e del sole
  31. Combattiamo il declino del territorio.
  32. Patto per Piacenza. Ieri prima riunione del Comitato strategico.
  33. Un centro di ricerca universitario per la sicurezza dei prodotti tipici.
  34. Il Piano strategico adesso ha fretta
  35. Oggi Piacenza firma il suo futuro.

esecuzione in 0,157 sec.