Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Programma  :.  AREE MILITARI-BENI DEMANIALI  :. D'Amo si è dimesso: «Il centrodestra sbaglia»
sottocategorie di Programma
 :. AREE MILITARI-BENI DEMANIALI




martedì
16
agosto
2022
Santo Stefano d'Ungheria



D'Amo si è dimesso: «Il centrodestra sbaglia»

Gianni D'Amo ha presentato ufficialmente ieri alla conferenza dei capigruppo le dimissioni da presidente della commissione speciale per la trasformazione delle aree militari.

Un passaggio che lo stesso consigliere di PiacenzaComune aveva annunciato lunedì scorso in consiglio comunale e che potrebbe rappresentare il definitivo colpo di grazia a un organismo che negli ultimi mesi aveva visto il progressivo distacco da parte dei rappresentanti di Forza Italia.

Un atteggiamento di freddezza che si è sommato all'assenza di Alleanza nazionale e alla contrarietà espressa dalla Lega nord all'ordine del giorno sul lavoro e le prospettive future della commissione che l'ormai ex presidente ha presentato in aula lunedì scorso: troppo, secondo D'Amo, per un organismo nato come espressione delle minoranze, teorico elemento di garanzia su una delle partite decisive per il futuro di Piacenza.

"Caro presidente - recita la lettera di dimissioni consegnata al presidente del consiglio comunale Ernesto Carini e per conoscenza al sindaco Roberto Reggi, al vicesindaco Francesco Cacciatore e al vicepresidente della commissione Christian Fiazza - ti comunico formalmente le dimissioni da presidente della commissione speciale per le aree militari.
Prendo atto che Alleanza nazionale, Lega nord e Forza Italia non hanno sottoscritto l'invito alla commissione a proseguire e intensificare la propria attività almeno fino al termine del suo mandato, nel luglio 2009".
D'Amo ricorda poi come l'organismo nacque nella conferenza dei capigruppo in modo unanime e che solo in consiglio comunale An si chiamò fuori:
"Ma il sostanziale disimpegno dei principali gruppi dell'opposizione consiliare modifica radicalmente quel quadro di riferimento politico - prosegue - e valuto che non sia possibile proseguire proficuamente il lavoro della commissione, di per sè estremamente complesso e delicato, senza l'impegno attivo e convinto di tutte le forze presenti in consiglio comunale.
Mi chiedo che credibilità possa avere una commissione speciale, nata per volontà unanime con l'impegno politico della maggioranza a consentire alle minoranze di esprimere il presidente - aggiunge - nel momento in cui ne prendono le distanze a Piacenza quei partiti che ricoprono posizioni di massima responsabilità nel governo di Roma, dal presidente del Consiglio al ministro della Difesa".

Arriva poi un affondo verso i partiti che a suo avviso hanno "affossato" l'organismo:
"Mi permetto di considerare la scelta di Lega nord, An e Forza Italia non utile alla città, un errore politico: ma non posso che prenderne atto e trarne le conseguenze.
Mi pare che sia un documento di rilievo l'ordine del giorno approvato a larga maggioranza dal consiglio comunale, credo sia una scelta di serietà e responsabilità sottolineare quanto si è potuto fare e si è fatto, con il contributo di tutti i partecipanti, che ringrazio.
Credo sia altrettanto doveroso - prosegue D'Amo - mettere in guardia dal pericolo molto concreto di trascinare stancamente la commissione in mesi di polemiche sterili e dannose".

Quale futuro, quindi, avrà l'organismo?
"Deciderà il consiglio comunale - risponde l'ex presidente - ma penso che abbia senso solo con un forte impegno di quei partiti che invece si sono tirati indietro.
Io resto a disposizione, ma solo a fronte di impegni chiari e intenzioni serie.
Altrimenti si potrebbe eleggere un nuovo presidente, ma se la situazione resta quella attuale avrebbe più senso scioglierla o darle un carattere meramente tecnico.
Resterebbe comunque il documento che il consiglio ha fatto proprio".

Il consigliere di PiacenzaComune non nasconde il proprio dispiacere:
"Dimettermi mi costa, personalmente e politicamente, ma mi pare la cosa più giusta da fare nell'interesse della città e di una concezione non miope e non meschina della politica. Mi sono arrivati tanti attestati di solidarietà e sostegno, ma non quei segnali politici che avrebbero potuto farmi cambiare idea".
Michele Rancati
LIBERTA' 31/10/2008


pubblicazione: 31/10/2008

 14841

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Programma
 :...  AREE MILITARI-BENI DEMANIALI



visite totali: 3.864
visite oggi: 2
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,76
[c]




 
Schede più visitate in AREE MILITARI-BENI DEMANIALI

  1. Con la Nicolai una Pilotta piacentina
  2. Nuovo polo militare, ma quanto costa l'area?
  3. Aree militari, sì alla task force consiliare
  4. D'Amo è "rosso fuoco", il suo ruolo bipartisan non esiste proprio
  5. Vaciago: una commissione di garanzia? È inutile
  6. D'Amo si è dimesso: «Il centrodestra sbaglia»
  7. «Aree militari, l'amministrazione è incoerente»
  8. Aree militari, opportunità e nodo-risorse al vaglio della giunta.
  9. Un milione di metri quadrati tornerà al Comune
  10. Foti e Polledri: la Pertite non sarà ceduta
  11. Nicolai non più off-limits, mappe accessibili
  12. Aree militari, il bando entro la metà del 2008
  13. Pertite, il sindaco: c'è irresponsabilità
  14. Aree Militari, adesso si lavora ad un Masterplan
  15. Aree Militari : "Giunta visionaria, il privato non verrà"
  16. "Aree militari e rapporti politici all'insegna della collegialità"
  17. Aree militari, dubbi nella commissione che si interroga sulla sua identità
  18. Polo militare? Meglio dov'è, ma senza castello e ospedale.
  19. Caserme restituite alla città
  20. L'Arsenale polo storico-museale, case al Macra, parco alle Pertite
  21. Stato-Comune, primo sì sui beni demaniali
  22. Pertite, 8mila sognano coi bimbi della Calvino
  23. Aree militari, Consiglio ostaggio delle faide
  24. Recupero delle aree militari
  25. Padiglione Berzolla o "Bixio" per il museo verdiano
  26. Commissione Aree Militari : Gianni D'Amo presidente
  27. Cessione beni militari, firma tra 40 giorni
  28. Aree militari, 2 anni per far partire il piano
  29. Aree militari: pericoli all'orizzonte
  30. Polo militare, accordo a primavera
  31. Aree militari, D'Amo a Putzu: Io voluto da Reggi ? Critica ingiusta ed eccessiva.
  32. Prima riunione della "Commissione Aree Militari"
  33. Laboratorio militare al bivio
  34. Aree militari, la civica con Reggi: commissione finita
  35. Commissione Aree Militari : D'Amo getta la spugna

esecuzione in 0,093 sec.