Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Patto per Piacenza  :. Così il Patto può risolvere i problemi
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




domenica
23
gennaio
2022
Beato Enrico Susone



Così il Patto può risolvere i problemi

L'analisi di Carlo Merli

da LIBERTA' del 22/01/2003 :

Luigi Campiglio, pro-rettore dell'Università Cattolica del S.Cuore, parlando alla cerimonia di inaugurazione del MUMAT (master in marketing territoriale) a Piacenza, ci ha dato una spiegazione illuminante del concetto di "governance", che ritroviamo spesso abusato sulla stampa.
Secondo Campiglio, fare "governance" significa:
- interpretare e capire i meccanismi e gli equilibri sociali, economici e culturali sui quali si fonda la vita di un territorio;
- identificare, attraverso il confronto delle istanze pubbliche e delle aspettative private, gli obiettivi di sviluppo del territorio;
- progettare, in modo concertato e in una logica di sistema, le azioni necessarie per perseguire tali obiettivi;
- coordinare, anche a livello operativo, queste azioni.

Gli strumenti di governance, quindi, sono per definizione derivati dalla cooperazione tra pubblico e privato: anche lasciando a parte il problema (cruciale) delle risorse finanziarie, è evidente che, da un lato, gli Enti Pubblici non possono imporre in modo dirigistico a un territorio il suo futuro, e, dall'altro lato, i soggetti privati non hanno costituzionalmente la vocazione a una logica di sistema.

Alla luce di queste considerazioni, io reputo il cosiddetto Piano Strategico (ex-Patto per Piacenza) un patrimonio di importanza fondamentale per Piacenza e il suo territorio: infatti, nel percorso sin qui attuato, si sono concretizzati (anche se in modo decisamente perfettibile) i primi tre dei significati della governance sopra elencati; il quarto, cioè il coordinamento e il monitoraggio delle azioni, è precisamente la sfida che il Piano Strategico ha di fronte nel medio-lungo periodo, più o meno nei prossimi cinque anni.
Oltre a ciò, mi sento di portare una testimonianza personale, come relatore del gruppo di lavoro sulla logistica: la partecipazione (che, va ricordato, è stata assolutamente volontaristica e non retribuita) alle attività tecnico-progettuali del Patto è stata, per tutti, un'esperienza unica di confronto tra competenze, mentalità e culture diverse, e ha creato un tessuto di relazioni di straordinario valore.
Di più, ho potuto riscontrare come il Patto sia divenuto un elemento di riferimento (di “benchmarking”) anche per altre importanti realtà territoriali, come la provincia di Alessandria e la provincia di Savona.

Come esempio concreto delle opportunità di governance, ma anche della complessità e dei problemi metodologici che si dovranno affrontare nel Piano strategico, vorrei delineare in modo estremamente schematico i punti salienti della distribuzione delle merci in area urbana (la cosiddetta “city logistics”):
- il Comune di Piacenza ha il problema di ridurre il livello di inquinamento dell'aria in città, agendo anche sulla quantità e sulla qualità dei veicoli (privati, pubblici e commerciali) che circolano nel territorio urbano;
- esistono altre esperienze (Siena, Genova, oppure La Rochelle in Francia) di progetti per la razionalizzazione della distribuzione delle merci al dettaglio in area urbana;
- per avviare anche a Piacenza un progetto di questo tipo manca una base rigorosa di dati sui flussi effettivi di merci al dettaglio, e questa base dati potrà essere costruita solo con la collaborazione dei commercianti e dei loro fornitori di servizio (cioè i trasportatori/corrieri);
- una volta costruita questa base di dati, dovrà essere fatta un'analisi economico-operativa sulle possibili soluzioni di razionalizzazione dei flussi (serve un magazzino centrale come punto di transito e interscambio delle merci, cioè un “transit point”? quanto costerebbe gestirlo? oppure potrebbe bastare una “convenzione” tra più corrieri? Che tipo di veicoli ecologici si possono usare?etc.): per questa analisi non si potrà prescindere da competenze di tipo imprenditoriale e di tipo “accademico”;
- il Comune dovrà valutare i costi “politici” di alcune scelte normative necessarie (come ad esempio la restrizione delle fasce orarie d'accesso in città per i mezzi commerciali), e non potrà prescindere da un confronto effettivo con i cittadini e le categorie economiche coinvolte;
- il Piano Strategico può fornire la “matrice di coordinamento” tra tutte queste attività di verifica, nonché lo strumento per “dragare” finanziamenti a sostegno degli studi e degli interventi necessari: questo strumento si chiama “Programma speciale d'Area per la Logistica”, ed è stato formalmente avviato con l'avallo della Regione Emilia-Romagna il 10 gennaio scorso.

Questo esempio evidenzia come uno specifico percorso di “governance” possa rendere più fattibile il raggiungimento di un obiettivo di cruciale importanza per tutti noi cittadini di Piacenza (cioè il miglioramento dell'aria che respiriamo tutti i giorni) e che ben difficilmente potrebbe essere perseguito dalla parte pubblica da sola.
Carlo Merli, Piacenza Intermodale


pubblicazione: 22/01/2003
aggiornamento: 30/05/2005

 6131

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Patto per Piacenza



visite totali: 4.080
visite oggi: 3
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,58
[c]




 
Schede più visitate in Patto per Piacenza

  1. «Più benessere per una elevata qualità della vita»
  2. Sì ai progetti che lasciano un segno
  3. Piano strategico : 4 leve per Piacenza.
  4. Così il Patto può risolvere i problemi
  5. Sì, a Piacenza ci vuole un'altra scossa
  6. E da oggi parte la fase tre: l'attuazione.
  7. Rizzi: non ci sta nessuno a fare l'“inutile” idiota…
  8. Piano strategico, ecco gli otto gruppi di lavoro
  9. Piacenza, laboratorio per vivere bene
  10. Piano strategico, i “distinguo” del centrodestra
  11. Giovani, meno sognatori dei padri
  12. Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
  13. Reggi: il “Patto” deve concentrarsi su pochi progetti
  14. Qualità, la parola chiave del 2020.
  15. Niente auto in centro e tanto verde
  16. Patto, Augusto Rizzi esce di scena.
  17. Piacenza Holding, decollo faticoso
  18. PATTO PER PIACENZA
  19. MORTO UN "PATTO" SE NE FA UN ALTRO
  20. La Camera di Commercio aderisce al “Patto-bis”
  21. Il Piano strategico si rafforza
  22. Il Piano per Piacenza batte cassa.
  23. Un piano strategico per far crescere Piacenza.
  24. Il Patto per Piacenza riparte di slancio
  25. Coesione sociale per diventare vincenti
  26. Vigileremo sul Patto per Piacenza.
  27. Abbiamo sprecato un'occasione.
  28. Il nuovo Patto per Piacenza.
  29. Piacenza, terra del ferro e del sole
  30. «I talenti investiti nello sviluppo locale»
  31. Patto per Piacenza. Ieri prima riunione del Comitato strategico.
  32. Combattiamo il declino del territorio.
  33. Un centro di ricerca universitario per la sicurezza dei prodotti tipici.
  34. Il Piano strategico adesso ha fretta
  35. Oggi Piacenza firma il suo futuro.

esecuzione in 0,078 sec.