Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  POLITICA Piacenza  :.  Provincia di Piacenza  :. Contro il referendum e la resa a Parma
sottocategorie di POLITICA Piacenza
 :. Politica piacentina
 :. Elezioni Provinciali 2004
 :. Elezioni Regionali 2005
 :. Elezioni Politiche 2006
 :. Elezioni Comunali 2007
 :. Elezioni Politiche 2008
 :. EmiliaRomagna
 :. Elezioni Provinciali 2009
 :. Provincia di Piacenza
 :. Elezioni Regionali 2010
 :. Elezioni Comunali 2011
 :. Elezioni Comunali 2012
 :. ELEZIONI NAZIONALI 2013




domenica
3
marzo
2024
Santi Marino e Asterio



Contro il referendum e la resa a Parma

Non deve essere parso vero al PD vedersi consegnare sul piatto d'argento di un ordine del giorno la resa incondizionata della maggioranza di centrodestra all'unione con Parma.

L'opzione di area vasta sulla quale il PD era attestato da tempo. Le chiacchiere di mesi e le dichiarazioni tonitruanti ridotte a zero. Appena il tempo di riaversi dallo stupore e il capogruppo Bergonzi si è affrettato ad apporre anche la propria firma in calce alla clamorosa inversione ad U.

Un "atto di responsabilità e di concreto realismo", ha definito la scelta il presidente Trespidi, già dimentico degli strali e delle invocate dimissioni per la presidente del CAL, Zappaterra, che qualche giorno prima aveva avanzato la stessa ipotesi, o dei piccati distinguo rispetto all'invito del Coordinamento regionale PDL a procedere rapidamente con la "fusione" tra Parma e Piacenza stante la "convinta contrarietà al mantenimento delle attuali Province in quanto enti inutili".
Per non farsi mancare nulla gli strateghi del centrodestra, nel mentre davano mandato al Presidente per trattare la resa con Parma, hanno imboccato anche la direzione opposta, confezionando in fretta e furia una richiesta di referendum consultivo per trasferire la provincia in Lombardia.

A parte ogni considerazione sull'opportunità di spendere qualche centinaia di migliaia di euro della collettività per dare esecuzione a norme che si propongono di ridurre i costi della politica, all'evidenza si tratta di un pannicello caldo dall'improbabile esito utile a serrare le fila, tacitare i maldipancia interni alla maggioranza sulla prima proposta e giocare allo scaricabarile con i cittadini chiamati in nome della democrazia a pronunciarsi (peraltro in modo non vincolante) su scelte politiche che il centrodestra non è in grado di assumere.

A dire degli stessi strateghi il referendum non è la proposta forte del centrodestra ma solo la spada di Damocle che penderà minacciosa sulla testa di quanti dovranno trattare con Trespidi le condizioni dell'annessione, pronta ad essere impugnata se non saranno soddisfacenti.
Difficile immaginare che a Bologna una tale minaccia possa far tremare i polsi a qualcuno anche perché potrebbe trasformarsi in un boomerang qualora gli interlocutori si avvedessero di aver di fronte un generale senza truppe.


Su entrambi i provvedimenti l'Italia dei Valori ha espresso una motivata contrarietà, ribadendo la necessità dell'abolizione di tutte le province. In proposito non suonano di conforto semmai di presa in giro, non tanto per noi quanto per i cittadini, le dichiarazioni di quanti, alla luce dei fatti, ritengono solo ora che sarebbe stato meglio l'eliminazione totale.

A tal fine sarebbe bastato che nel luglio 2011 l'allora maggioranza, con l'astensione determinante del PD, avesse votato un emendamento IdV per l'abolizione delle province o si fosse dato seguito alla proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare avente lo stesso scopo sottoscritta nell'autunno scorso anche da alcune migliaia di piacentini.

Non ci convince l'idea di area vasta, dalla quale per quanto riguarda i trasporti, il servizio idrico, i rifiuti non abbiamo dimostrazioni di grande efficacia, senza pensare a cosa potrebbe accadere per la sanità e alle conseguenze in termini di disservizi per i cittadini che potrebbe avere la desertificazione istituzionale prodotta dallo smantellamento della presenza dello Stato nel territorio.

Crediamo che quella in corso sia una discussione di retroguardia.
L'ennesimo esempio di una politica in ritardo rispetto ai bisogni delle persone.


Mentre si discute (dum Romae consulitur…) il colore della tappezzeria del quartier generale (la provincia) la trincea della prima linea (i comuni) viene travolta: dei comuni che non ce la fanno più, specie quelli di collina e di montagna che non hanno risorse, e sono i primi interlocutori dei cittadini bisognerebbe occuparsi e pensare ad una loro riorganizzazione in tal senso intendendo il termine "riordino" previsto dalla legge.

Proprio perché non ci interessa la protesta fine a se stessa e abbiamo un'idea della politica come motore di cambiamento, che per essere tale non può limitarsi a fotografare la realtà ma deve prefigurarne una diversa, abbiamo avanzato una proposta - non presa in considerazione dalla politica ufficiale quanto apprezzata da vari amministratori - che vuole essere di stimolo a pensare dal basso, in modo sperimentale ed in deroga ai criteri prefissati una diversa organizzazione degli enti territoriali e delle loro funzioni a partire dall'individuazione di ambiti ottimali, in una prospettiva idonea a garantire ai piacentini una politica vicina ai bisogni ed alle loro aspettative, che sappia dare risposte immediate e che sia soggetta al controllo diretto e immediato del cittadino elettore.

Italia dei Valori Piacenza
Segreteria Provinciale



LIBERTA' 26/09/2012


pubblicazione: 26/09/2012
aggiornamento: 27/09/2012

Categoria
 :.  POLITICA Piacenza
 :..  Provincia di Piacenza



visite totali: 876
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,20
[c]




 
Schede più visitate in Provincia di Piacenza

  1. «Impegno in Comune e saprò mettermi in gioco»
  2. Udc: in Provincia ci sono criticità
  3. Regione: nel mirino i rimborsi kilometrici
  4. La Provincia non costruirà dighe
  5. “A campagna elettorale finita, occorre tornare con i piedi per terra"
  6. Una cava sul Trebbia davanti al Castello di Rivalta ?
  7. Consiglio provinciale: sì alla vendita delle quote Centro Padane.
  8. Davide Allegri : "Ho sempre operato con correttezza e onestà".
  9. La diga entra nel Ptcp, è giallo sul voto
  10. Bersani : «Provincia, conserveremo l'identità»
  11. Otto le parole chiave nella "regìa" di Trespidi
  12. «Continuerò ad occuparmi dell'agroalimentare»
  13. "Continuo a fare l'avvocato e avrò la domenica libera"
  14. Province, Piacenza è finita
  15. Errani: "Piacenza avrà il ruolo che le spetta"
  16. Resteremo finché potremo garantire il pieno governo
  17. Referendum, sì al dietrofront.
  18. Referendum del quotidiano Libertà : Bocciata l'unione con Parma
  19. Trespidi: «Province, è il caos istituzionale»
  20. Province, sul nome abbiamo già perso
  21. Trespidi: «Giustizia è fatta». E pensa al bis
  22. Dosi: da Piacenza a Modena, sì alla Provincia del gusto
  23. Provincia, è ufficiale: no al referendum pro Lombardia
  24. Solo il referendum può salvare Piacenza
  25. Quale Provincia: il dibattito su Telelibertà
  26. Francesco Rolleri è il nuovo Presidente della Provincia di Piacenza
  27. Allegri e fotovoltaico, indagini
  28. L'ex assessore provinciale Allegri indagato ?
  29. Caso Allegri, fiducia nella magistratura
  30. Cabina di regia su Expo, Metro avanti con le idee.
  31. Non rinunceremo al "ponte bis" sul Po
  32. Boom del fotovoltaico: indagano i carabinieri.
  33. Fotovoltaico. Allegri : «Sempre agito in trasparenza»
  34. Migliori Province, Piacenza resta fuori
  35. Ecco una "Provincia di favole"

esecuzione in 0,452 sec.