Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Patto per Piacenza  :. Coesione sociale per diventare vincenti
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




domenica
3
luglio
2022
San Tommaso Apostolo



Coesione sociale per diventare vincenti

LIBERTA' del 13/01/2002
:
E' dunque la “governance” la filosofia che può far emergere i progetti di un territorio.

Perché chi esprime una “governance” efficace è più competitivo ed ha maggior potenzialità nello stringere alleanze.
Lo dimostrano le aree che in precedenza hanno stipulato accordi territoriali simili al “Patto per Piacenza”.

L'elenco (lusinghiero) comincia dalla Spagna.
Qui Barcellona è la veterana, ma in Italia si passa per Torino, Trento, Roma, La Spezia... e si arriva ora a Piacenza.

Capacità di cooperare e concertare è questa la sfida nelle mani dei piacentini.
Non è una mera questione formale - ha spiegato il professor Enrico Ciciotti docente di economia alla Cattolica di Piacenza - .
Perché i progetti non possono essere calati con «l'imperio».
Stanno qui le enormi potenzialità che anche Piacenza ha di fronte con la sigla di questo Patto.
Un inizio - ha ricordato il professor Ciciotti - aperto a nuovi contributi successivi e che, fino a questo traguardo, ha esaltato il ruolo attivo dei vari attori che vi hanno preso parte.

71 incontri con 132 componenti coinvolti impegnati in quattro aree strategiche e in 8 gruppi di lavoro hanno, alla fine, prodotto 47 progetti.
Sono i numeri che hanno gettato le basi del documento finale siglato ieri a Palazzo Farnese.
Numeri che la dicono lunga sulla dedizione che istituzioni, gruppi di cittadini, associazioni hanno voluto dare a questa iniziativa.
«Abbiamo fatto un conto veloce - ha precisato il professore - e un'ottantina di persone hanno dedicato volontariamente tante ore, o forse più, di quante ne possa lavorare una persona impiegata a tempo pieno nell'arco di un anno».

I piacentini a questo Patto hanno creduto ed hanno anche dato il segno di una capacità progettuale consistente.
Ma quale approdo vuole raggiungere il Patto per Piacenza?

Lo scenario, che va ricondotto agli Stati generali promossi da Comune, Provincia e Camera di Commercio nel marzo del 2001, è la promozione dello sviluppo economico e sociale del territorio piacentino - ha ricordato il professore - attraverso la valorizzazione delle risorse umane e ambientali per realizzare, detto in sintesi, un sistema innovativo e collaborativo dove il benessere diffuso e la qualità della vita ne rappresentino i cardini portanti.

Attenzione, però - ha ricordato ancora - non tutto quello che si può fare a Piacenza si esaurisce nel Patto che propone alcuni obiettivi sui quali si è determinato un consenso diffuso.
Sappiamo già in partenza che non tutti i progetti potranno trovare attuazione.
Però questo non sarà da considerare uno smacco e non dovrà avere una ricaduta negativa sulla validità del Patto.

E' a questo punto - ha detto - che entra in gioco la politica.
A dimostrazione che i Patti come quello di cui è protagonista Piacenza, non sono una sovrapposizione di competenze né una diminuzione di processi democratici.
Anzi.
Per il professor Ciciotti le opzioni contenute nel Patto sono un terreno trasparente per il confronto delle decisioni e delle scelte successive e costituiscono un valore aggiunto per il processo democratico.
La politica?
Tranquilli, non viene esautorata dal patto territoriale.
Un patto dovrebbe costituire un comune minimo denominatore su quello che si ritiene necessario sviluppare.
La realizzazione, ed è qui che interviene la politica, è su un altro piano.
Il Patto, per dirla con una metafora, è un po' come una cesta nella quale sono stati messi tanti progetti a cui il pubblico e il privato potranno attingere nei tempi e nei modi che vorranno. L'importante è sapere che quei progetti sono il frutto di una coesione sociale condizione indispensabile per essere forti nella competizione territoriale.


pubblicazione: 13/01/2002
aggiornamento: 29/05/2005

Ciciotti Enrico 6112
Ciciotti Enrico

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Patto per Piacenza



visite totali: 2.692
visite oggi: 2
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,36
[c]




 
Schede più visitate in Patto per Piacenza

  1. «Più benessere per una elevata qualità della vita»
  2. Sì ai progetti che lasciano un segno
  3. Piano strategico : 4 leve per Piacenza.
  4. Così il Patto può risolvere i problemi
  5. Sì, a Piacenza ci vuole un'altra scossa
  6. E da oggi parte la fase tre: l'attuazione.
  7. Rizzi: non ci sta nessuno a fare l'“inutile” idiota…
  8. Piano strategico, ecco gli otto gruppi di lavoro
  9. Piacenza, laboratorio per vivere bene
  10. Piano strategico, i “distinguo” del centrodestra
  11. Reggi: il “Patto” deve concentrarsi su pochi progetti
  12. Qualità, la parola chiave del 2020.
  13. Giovani, meno sognatori dei padri
  14. Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
  15. Niente auto in centro e tanto verde
  16. Patto, Augusto Rizzi esce di scena.
  17. Piacenza Holding, decollo faticoso
  18. PATTO PER PIACENZA
  19. La Camera di Commercio aderisce al “Patto-bis”
  20. MORTO UN "PATTO" SE NE FA UN ALTRO
  21. Il Piano strategico si rafforza
  22. Il Piano per Piacenza batte cassa.
  23. Un piano strategico per far crescere Piacenza.
  24. Il Patto per Piacenza riparte di slancio
  25. Coesione sociale per diventare vincenti
  26. Vigileremo sul Patto per Piacenza.
  27. Abbiamo sprecato un'occasione.
  28. Il nuovo Patto per Piacenza.
  29. «I talenti investiti nello sviluppo locale»
  30. Piacenza, terra del ferro e del sole
  31. Combattiamo il declino del territorio.
  32. Patto per Piacenza. Ieri prima riunione del Comitato strategico.
  33. Un centro di ricerca universitario per la sicurezza dei prodotti tipici.
  34. Il Piano strategico adesso ha fretta
  35. Oggi Piacenza firma il suo futuro.

esecuzione in 0,125 sec.