Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Casa delle Libertà  :. Centrodestra italiano al bivio
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




lunedì
3
agosto
2020
Santa Lidia



Centrodestra italiano al bivio

di Sergio Romano

Vorrei confutare le opposte tesi degli editorialisti Ernesto Galli della Loggia e Marcello Veneziani. Entrambi, parlando della «destra», cadono nelle stesse argomentazioni, anche se opposte. Sono convinti che si tratti solo di intellighenzia e di intellettuali. Ma in Italia, a impegnarsi in politica fino a farne una professione, per forza di cose, sono solo gli uomini di sinistra perché quelli di destra di un certo valore, ritengo, si impegnano nelle professioni e nell'imprenditoria, ma mai in impegni politico-intellettuali.
Alessandro Marcucci Pinoli

In ogni sistema bipolare il centrodestra è un amalgama di gruppi sociali motivati dai più diversi interessi.
Li unisce, tuttavia, il timore che il governo cada nelle mani di uomini e partiti poco sensibili ai diritti della proprietà e a ciò che molti moderati definiscono, spesso pensando soprattutto al proprio personale status sociale, «l'ordine costituito». In Italia, dove l'industrializzazione ha investito soltanto una parte del Paese e le tradizioni nazionali sono più fragili, l'elettorato di centrodestra è particolarmente frazionato ed eterogeneo. In altre parole fra i ceti sociali modernizzatori e i gruppi corporativi o grettamente conservatori lo scarto, da noi, è più grande di quanto non sia in paesi come la Germania, la Gran Bretagna e la Francia.

Se è necessario modernizzare profondamente la società e disboscarla dalle molte rendite di posizione (sindacali, industriali, professionali, corporative) che la paralizzano, il centrodestra italiano dovrà fare cose sgradite a una parte del suo elettorato. Occorre però che il governo disponga di un ragionevole lasso di tempo, sia lungimirante e non sia insidiato da dissensi interni. La prima condizione, dopo il risultato elettorale del 2001, esiste. Le altre due, purtroppo, no. Le responsabilità sono molte, ma mi ostino a pensare che il principale errore di questo governo, e di quello che lo ha preceduto, sia stato di non completare la transizione istituzionale degli anni Novanta. Occorreva dare al presidente del Consiglio italiano i poteri del premier inglese, del cancelliere tedesco e del primo ministro spagnolo.

I problemi di queste settimane, forse, sarebbero stati evitati.
È certamente vero che il mestiere della politica (militanti, dirigenti) è una caratteristica dei partiti di sinistra. Ed è altrettanto vero che i rappresentanti dei ceti moderati sono generalmente assorbiti dalle loro occupazioni e quindi poco inclini a impegnarsi nella vita pubblica. Ma correggerei la sua affermazione con tre considerazioni. In primo luogo il prototipo dei partiti di massa, in Italia, è il partito nazionale fascista. In secondo luogo, Alleanza nazionale è, come i partiti di sinistra, una struttura gestita da professionisti e servita da militanti. In terzo luogo non è vero che gli industriali e i professionisti abbiano sempre voltato le spalle alla politica.

Per gli anni della Prima repubblica potrei ricordarle Adriano Olivetti, Umberto Agnelli e Luigi Rossi di Montelera, eletti al Parlamento.
Per l'ultimo decennio infine potrei osservare che il rinnovamento della classe politica è avvenuto principalmente grazie a un considerevole numero di persone, di destra e di sinistra, che hanno lasciato gli affari o la professione per periodi più o meno lunghi. Tralasciando il nome più ovvio, ne faccio qualcun altro, a caso: Franco Debenedetti, Franco Lombardi, Letizia Moratti, Lucio Stanca, Girolamo Sirchia, Dario Rivolta, Umberto Veronesi, Francesco Merloni, Luigi Lunardi.


pubblicazione: 02/08/2004
aggiornamento: 07/10/2004

Sergio Romano 3071
Sergio Romano

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Casa delle Libertà



visite totali: 3.076
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,52
[c]




 
Schede più visitate in Casa delle Libertà

  1. SILVIO BERLUSCONI COLTO DA MALORE.
  2. Processo SME, Berlusconi assolto.
  3. La rottura nella Cdl è ormai cosa certa.
  4. Berlusconi si è dimesso.
  5. BERLUSCONI-BIS : è il 59esimo governo della Repubblica.
  6. I “tifosi” di Follini restano dietro le quinte
  7. Il Senatùr
  8. MITICO
  9. UN GESTO ESTREMO, MA LUCIDO
  10. Per fare, per crescere, per essere liberi.
  11. Il premier: ora Follini non potrà mettersi fuori dal Polo
  12. ALLEANZA PER LA LIBERTA'.
  13. Vicenza : Berlusconi incontra a sorpresa gli industriali.
  14. "Il 2005 potrà essere l'anno della svolta"
  15. Follini ricompatta l'Udc: «Non siamo anomalia»
  16. ADORNATO: ORIZZONTE PIÙ VICINO PER IL PARTITO DELLA LIBERTÀ.
  17. Lettera al Corriere della Sera di Roberto Formigoni.
  18. Berlusconi brevetta il Partito della Libertà
  19. Berlusoni, MVB e la mezza verità del Partito della Libertà
  20. Il «celeste» Roberto studia da premier.
  21. Intervista a Marco Follini
  22. An deve scegliere o lo statalismo o l’innovazione
  23. Centrodestra italiano al bivio
  24. Casini, i moderati, il bipolarismo.
  25. BERLUSCONI A "PORTA A PORTA"
  26. Gianfranco Fini : non sono una pecora.
  27. www.scendoinpiazza.it
  28. Berlusconi: "Prodi cadrà a novembre"
  29. GOVERNO DEBOLE PREMIER FORTE
  30. Berlusconi accelera, in Europa va Buttiglione
  31. Documento del Comitato di Todi
  32. L'Unità, Stalin e Berlusconi
  33. Dal 13 maggio 2001 al 20 aprile 2005.
  34. Berlusconi ad An : "Riflettiamo sulla devolution".
  35. Intervista a Rocco Buttiglione.

esecuzione in 0,156 sec.