Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Casa delle Libertà  :. Centrodestra italiano al bivio
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




domenica
26
gennaio
2020
Santi Timoteo e Tito



Centrodestra italiano al bivio

di Sergio Romano

Vorrei confutare le opposte tesi degli editorialisti Ernesto Galli della Loggia e Marcello Veneziani. Entrambi, parlando della «destra», cadono nelle stesse argomentazioni, anche se opposte. Sono convinti che si tratti solo di intellighenzia e di intellettuali. Ma in Italia, a impegnarsi in politica fino a farne una professione, per forza di cose, sono solo gli uomini di sinistra perché quelli di destra di un certo valore, ritengo, si impegnano nelle professioni e nell'imprenditoria, ma mai in impegni politico-intellettuali.
Alessandro Marcucci Pinoli

In ogni sistema bipolare il centrodestra è un amalgama di gruppi sociali motivati dai più diversi interessi.
Li unisce, tuttavia, il timore che il governo cada nelle mani di uomini e partiti poco sensibili ai diritti della proprietà e a ciò che molti moderati definiscono, spesso pensando soprattutto al proprio personale status sociale, «l'ordine costituito». In Italia, dove l'industrializzazione ha investito soltanto una parte del Paese e le tradizioni nazionali sono più fragili, l'elettorato di centrodestra è particolarmente frazionato ed eterogeneo. In altre parole fra i ceti sociali modernizzatori e i gruppi corporativi o grettamente conservatori lo scarto, da noi, è più grande di quanto non sia in paesi come la Germania, la Gran Bretagna e la Francia.

Se è necessario modernizzare profondamente la società e disboscarla dalle molte rendite di posizione (sindacali, industriali, professionali, corporative) che la paralizzano, il centrodestra italiano dovrà fare cose sgradite a una parte del suo elettorato. Occorre però che il governo disponga di un ragionevole lasso di tempo, sia lungimirante e non sia insidiato da dissensi interni. La prima condizione, dopo il risultato elettorale del 2001, esiste. Le altre due, purtroppo, no. Le responsabilità sono molte, ma mi ostino a pensare che il principale errore di questo governo, e di quello che lo ha preceduto, sia stato di non completare la transizione istituzionale degli anni Novanta. Occorreva dare al presidente del Consiglio italiano i poteri del premier inglese, del cancelliere tedesco e del primo ministro spagnolo.

I problemi di queste settimane, forse, sarebbero stati evitati.
È certamente vero che il mestiere della politica (militanti, dirigenti) è una caratteristica dei partiti di sinistra. Ed è altrettanto vero che i rappresentanti dei ceti moderati sono generalmente assorbiti dalle loro occupazioni e quindi poco inclini a impegnarsi nella vita pubblica. Ma correggerei la sua affermazione con tre considerazioni. In primo luogo il prototipo dei partiti di massa, in Italia, è il partito nazionale fascista. In secondo luogo, Alleanza nazionale è, come i partiti di sinistra, una struttura gestita da professionisti e servita da militanti. In terzo luogo non è vero che gli industriali e i professionisti abbiano sempre voltato le spalle alla politica.

Per gli anni della Prima repubblica potrei ricordarle Adriano Olivetti, Umberto Agnelli e Luigi Rossi di Montelera, eletti al Parlamento.
Per l'ultimo decennio infine potrei osservare che il rinnovamento della classe politica è avvenuto principalmente grazie a un considerevole numero di persone, di destra e di sinistra, che hanno lasciato gli affari o la professione per periodi più o meno lunghi. Tralasciando il nome più ovvio, ne faccio qualcun altro, a caso: Franco Debenedetti, Franco Lombardi, Letizia Moratti, Lucio Stanca, Girolamo Sirchia, Dario Rivolta, Umberto Veronesi, Francesco Merloni, Luigi Lunardi.


pubblicazione: 02/08/2004
aggiornamento: 07/10/2004

Sergio Romano 3071
Sergio Romano

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Casa delle Libertà



visite totali: 2.969
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,52
[c]




 
Schede più visitate in Casa delle Libertà

  1. SILVIO BERLUSCONI COLTO DA MALORE.
  2. Processo SME, Berlusconi assolto.
  3. Berlusconi si è dimesso.
  4. La rottura nella Cdl è ormai cosa certa.
  5. BERLUSCONI-BIS : è il 59esimo governo della Repubblica.
  6. I “tifosi” di Follini restano dietro le quinte
  7. Il Senatùr
  8. MITICO
  9. UN GESTO ESTREMO, MA LUCIDO
  10. Il premier: ora Follini non potrà mettersi fuori dal Polo
  11. Per fare, per crescere, per essere liberi.
  12. ALLEANZA PER LA LIBERTA'.
  13. "Il 2005 potrà essere l'anno della svolta"
  14. Follini ricompatta l'Udc: «Non siamo anomalia»
  15. Vicenza : Berlusconi incontra a sorpresa gli industriali.
  16. Lettera al Corriere della Sera di Roberto Formigoni.
  17. ADORNATO: ORIZZONTE PIÙ VICINO PER IL PARTITO DELLA LIBERTÀ.
  18. Berlusconi brevetta il Partito della Libertà
  19. Il «celeste» Roberto studia da premier.
  20. Intervista a Marco Follini
  21. Berlusoni, MVB e la mezza verità del Partito della Libertà
  22. Centrodestra italiano al bivio
  23. An deve scegliere o lo statalismo o l’innovazione
  24. Casini, i moderati, il bipolarismo.
  25. BERLUSCONI A "PORTA A PORTA"
  26. Gianfranco Fini : non sono una pecora.
  27. Berlusconi: "Prodi cadrà a novembre"
  28. GOVERNO DEBOLE PREMIER FORTE
  29. Berlusconi accelera, in Europa va Buttiglione
  30. Documento del Comitato di Todi
  31. www.scendoinpiazza.it
  32. Dal 13 maggio 2001 al 20 aprile 2005.
  33. L'Unità, Stalin e Berlusconi
  34. Berlusconi ad An : "Riflettiamo sulla devolution".
  35. Intervista a Rocco Buttiglione.

esecuzione in 0,203 sec.