Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  VARIE Piacenza  :.  CULTURA  :. Carovane ha dato nuovo respiro alla città
sottocategorie di CULTURA
 :. Teatro




martedì
30
novembre
2021
Sant'Andrea apostolo



Carovane ha dato nuovo respiro alla città

Positivo il bilancio degli assessori Dosi e Gazzolo.

Tra concerti, presentazioni di libri, film e incontri con personaggi della cultura italiana e non solo, la manifestazione Carovane, dedicata alla letteratura, alla poesia, al cinema e alla musica dei paesi del sud del mondo, anche quest'anno ha raccolto in piazza Duomo, nel cortile di Palazzo Gotico e in piazza Cavalli in città, a Castellarquato, a Fiorenzuola, a San Nicolò e a Lugagnano in provincia, un pubblico numeroso ed eterogeneo.
Ideata dal Comitato organizzatore Carovane, la sesta edizione della rassegna, intitolata Le città invisibili, si è svolta con il sostegno degli assessorati alle politiche giovanili del Comune di Piacenza e della Provincia. Ora l'assessore comunale Paolo Dosi (con delega alla cooperazione e mondialità) e l'assessore provinciale Paola Gazzolo hanno tracciato un bilancio di Carovane 2005, con lo sguardo già rivolto al futuro.
Qual è la vostra valutazione dell'iniziativa?
Dosi: «Premesso che gli enti locali hanno un ruolo di sostegno ad un'iniziativa che ha un suo Comitato organizzatore, il mio giudizio è molto articolato, ma sostanzialmente positivo. Carovane è l'unica iniziativa a Piacenza che ha portato, nel corso di sei anni, autori, artisti, uomini di pensiero di fama internazionale, dando un respiro alla città mai conosciuto prima in modo così continuo. Quest'anno ha avuto valori aggiunti rispetto alle edizioni precedenti, crediamo anche per il ruolo giocato dagli enti locali, che hanno chiesto di non aver solo la funzione di sostegno o di erogazione di fondi, ma di essere più attivi».
Qualche esempio di questo valore aggiunto?
Dosi: «L'allargamento degli ambiti di interesse della manifestazione, nata per porre l'attenzione ai sud del mondo, quindi con una connotazione unica, anche nel panorama delle iniziative culturali a livello nazionale. Se le prime cinque edizioni sono state caratterizzate da un'attenzione spiccata ad un sud del mondo, l'America Latina, quest'anno c'è stato l'invito da parte degli enti locali di guardare ad altre realtà, anche perché questa manifestazione merita di continuare, ma per farlo deve poggiare su radici più solide: un apparato organizzativo e un'attenzione culturale più allargati, per raggiungere un maggior numero di persone e di interessi culturali. Per quanto riguarda l'organizzazione, si può pensare di supportare uffici strategici come l'ufficio stampa o l'ufficio di promozione del marketing turistico-territoriale. Quest'anno dunque c'è stata l'apertura ai continenti africano e asiatico (a Castellarquato con l'omaggio a Tiziano Terzani) e a nuovi linguaggi culturali, con la molto ben riuscita rassegna cinematografica. Il consenso di partecipazione numerica è stato molto significativo. Su questo vorremmo investire per le prossime edizioni».
E il bilancio dell'assessorato provinciale?
Gazzolo: «Sicuramente positivo, per diverse ragioni. Questa edizione doveva segnare una svolta e ridare slancio ad una manifestazione troppo relegata all'interno dei confini provinciali. Ci siamo posti tre obiettivi di fondo: una maggior apertura al territorio, l'ampliamento dello sguardo agli altri sud del mondo e l'avviamento di legami sempre più forti fra territori, capaci di tessere rapporti di cooperazione reale. Obbiettivi che sono stati per buona parte raggiunti. E' stata anche posta una riflessione importante di avvio di progetti di cooperazione decentrata, che partirà in Mozambico, con la costruzione di un laboratorio delle mutualità. Speriamo nella prossima edizione di Carovane di annunciare i risultati di questo lavoro.
Di alcuni incontri, in particolare quelli sulla teologia della liberazione e sul conflitto israelo-palestinese, è stata rilevata la mancanza di un vero contraddittorio.
Dosi: «Questo costituisce un limite. Certe iniziative risentono di una lettura “orientata”, ma non dimentichiamo che gli enti locali non sono organizzatori di Carovane. A titolo personale, ho colto i limiti di carattere storico, oltreché teologico, del dibattito sulla teologia della liberazione. Mi ha lasciato un po' perplesso anche il dibattito sulla comunicazione. Nodi che in qualche modo saranno oggetto di una revisione tra noi e gli organizzatori, ma che non devono essere assolutizzati. Sono aspetti che giocano anche nella prospettiva di Carovane: una manifestazione sulla quale gli enti locali saranno sempre più in difficoltà ad investire risorse economiche, ma che dovrebbe diventare patrimonio del territorio, così che sempre più sponsor siano interessati ad investire».
Gazzolo: «Più che ai limiti, mi piace pensare a quello che potrebbe essere fatto per migliorare Carovane. Condivido la necessità di allargare il confronto geografico e culturale. Lo scopo di Carovane non è orientare, ma aprire la riflessione».
C'è già qualche idea per il futuro?
Gazzolo: «A breve ci rivedremo con il Comitato promotore e insieme riprenderemo queste valutazioni. Se questa manifestazione oggi non ha la visibilità nazionale che meriterebbe, dovremo condividere modalità perché questo possa accadere».
Dosi: «Prima facciamo la verifica di quest'anno. L'intenzione di proseguire c'è, ma dobbiamo tenere conto realisticamente delle difficoltà, a cominciare da quelle del bilancio».

LIBERTA', 27 settembre 2005


pubblicazione: 27/09/2005
aggiornamento: 28/09/2005

 7679

Categoria
 :.  VARIE Piacenza
 :..  CULTURA



visite totali: 4.109
visite oggi: 1
visite ieri: 2
media visite giorno: 0,69
[c]




 
Schede più visitate in CULTURA

  1. Piacenza sede dell'Orchestra Giovanile "Cherubini"
  2. Baratta: che rimanevo a fare?
  3. La "Cherubini" con Muti trionfa in Senato
  4. «Piacenza è la collocazione ideale»
  5. «Ecco perché ho fatto l'esposto»
  6. CAROVANE 2005. Le città invisibili .
  7. La Toscanini arricchirà Piacenza
  8. Al Municipale Verdi è sempre più re.
  9. Comune-Toscanini, legami più forti
  10. Prosa, la stagione “spopola” in commissione
  11. Carovane ha dato nuovo respiro alla città
  12. E' nata la Fondazione Cherubini.
  13. Fondazione Toscanini, cambia la musica
  14. Gara per la prosa, blitz dell'Unione europea
  15. Gaspare Landi
  16. Caso Manu Chao, il rumeno caduto chiederà i danni?
  17. Teatro, pronto il bando di gara europeo
  18. Alla Cavallerizza un teatro per la prosa
  19. Reggi ottimista: «Muti entusiasta di Piacenza»
  20. Galleria Ricci Oddi : Vittorio Anelli al timone
  21. Fondazione Toscanini, la Filarmonica si stacca
  22. Il bando nel mirino Ue, il patron di Teatro Gioco Vita valuta la proposta del Comune
  23. Mostra conclusa “Inquiete Stelle”, affluenza bassa
  24. Teatro, Roi promette: la Toscanini sarà più presente in città
  25. Nominato il Cda della Fondazione Cherubini.
  26. «Municipale, una stagione d'oro»
  27. Massimo Gambardella nel Cda della Toscanini.
  28. Teatro, via ai cartelloni anche se a credito.
  29. Nuovo Cda per la Galleria Ricci Oddi.
  30. Riccardo Muti stregato da Piacenza.
  31. Arriva Muti, scettica Rifondazione
  32. Una fondazione per il Municipale.
  33. Teatro Municipale - Parte la nuova stagione musicale.
  34. Ecco i contributi della Fondazione all'Orchestra Toscanini dal 2001 ad oggi
  35. Lirica: Baratta cerca fondi, Calciati ottimista.

esecuzione in 0,140 sec.