Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Politica nazionale  :. CAPOLINEA PER ROMANO PRODI
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




martedì
12
novembre
2019
San Giosafat



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


galleria immagini  CAPOLINEA PER ROMANO PRODI
  Prodi sconfitto in Senato: cade il governo
Ieri : prodi col ditino patetico (1) Ieri : prodi fa i pugnetti (2) Ieri : prodi  boh? (3) Ieri : prodi ad honorem  (4)
Ieri : prodi col ditino patetico (pic 1) Ieri : prodi fa i pugnetti (pic 2) Ieri : prodi boh? (pic 3) Ieri : prodi ad honorem (pic 4)
24 gennaio 2008 : prodi se ne va mesto (5) 24 gennaio 2008 : brindisi in senato (6) 24 gennaio 2008 : in senato mangiano la mortadella (7) 24 gennaio 2008 : subito al voto ! (8)
24 gennaio 2008 : prodi se ne va mesto (pic 5) 24 gennaio 2008 : brindisi in senato (pic 6) 24 gennaio 2008 : in senato mangiano la mortadella (pic 7) 24 gennaio 2008 : subito al voto ! (pic 8)
Non ce l'ha fatta.
Il sogno di Romano Prodi si è infranto in Senato di fronte all'arida realtà dei numeri al termine di una lunga giornata cominciata con l'intervento del premier in Aula alle 15 e terminata con Prodi che alle 21 si è recato al Quirinale per rassegnare le dimissioni nelle mani del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano .

Il presidente del Consiglio e il suo governo non hanno ottenuto infatti la fiducia richiesta.

Hanno votato no in 161, mentre i sì sono stati 156.
Un senatore (Scalera) si è astenuto, mentre tre erano gli assenti (Andreotti, Pallaro e Pininfarina).

Il premier non è rimasto per ascoltare l'esito del voto, ma durante la votazione è immediatamente tornato a Palazzo Chigi.
Il presidente del Consiglio è poi andato al Quirinale dove ha rimesso il mandato nelle mani del capo dello Stato.
Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si è riservato di accettarle.

Il Quirinale ha poi comunicato che da venerdì pomeriggio cominceranno le consultazioni, partendo dai presidenti di Camera e Senato a cui Prodi aveva comunicato telefonicamente le sue dimissioni.





L'analisi :
L'ostinazione e la disfatta
di Massimo Franco

Lo schianto c'è stato.
Rovinoso, rumoroso, e tale da mandare in pezzi ciò che restava dell'Unione.
Il suicidio annunciato del centrosinistra si è consumato ieri notte in un Senato teatro per l'ennesima volta di risse, insulti, psicodrammi.
Romano Prodi, seppellito da 161 «no» rispetto a 156 «sì», osserva le macerie del proprio governo con aria accigliata.
Eppure, forse se ne compiace inconsapevolmente.
Anche perché è stato lui a scegliere di sfidare l'aula.
Ed aveva messo nel conto la bocciatura.
Prodi lo ha fatto, raccontano gli alleati maligni, perché non era certo di riottenere l'incarico per palazzo Chigi.
Sapeva e sa che Giorgio Napolitano farà di tutto per prolungare la legislatura e cambiare la legge elettorale.
Ma il calcolo dell'ormai ex presidente del Consiglio è che neppure il Quirinale riuscirà a compiere il miracolo.
E dunque si andrà alle elezioni anticipate.
E lui, Prodi, si godrà a distanza la disfatta della ex Unione; e la rivincita di Silvio Berlusconi, l'arciavversario.

E pensare che nel suo antiberlusconismo esistenziale, unito ad un ego ben sviluppato, il Professore tende a presentarsi come l'ultima trincea della democrazia in Italia: un baluardo oltre il quale scatterà una deriva a destra senza redenzione.
Il paradosso è che, dicendo di volere esorcizzare un finale così disperante, Prodi ha finito per costruirlo giorno per giorno senza rendersene conto.
L'ostinazione ad andare al Senato comunque rappresenta l'ultimo colpo di acceleratore.
Riconsegnare in nemmeno due anni l'Italia a Berlusconi, perseguendo l'obiettivo opposto: è questo il paradosso col quale Prodi e il centrosinistra in pezzi potrebbe presto fare i conti.
Ma in fondo, l'ossessione antiberlusconiana è stata anche l'eterno limite dei nemici del Cavaliere.
Si può pure dare la colpa del disastro alla defezione fra l'emotivo e il furbesco di Clemente Mastella; oppure agli scarti del Pd di Walter Veltroni, desideroso di costruirsi un'identità diversa, se non in conflitto con quella del premier; o all'incompatibilità fra sinistra radicale e schegge centriste dell'Unione. Si torna comunque al vizio d'origine di una coalizione messa su per battere Berlusconi, non per governare.
Il guaio, per la ex maggioranza al governo dalla primavera del 2006, è che riemerge dall'esperienza ridotta in brandelli.
Non esiste più, e la resa dei conti non si è nemmeno iniziata: si intravede solo la scia di acrimonia che Prodi lascia dietro di sé.

Le maschere disfatte di alcuni senatori dell'Udeur che si insultano a palazzo Madama, storicamente l'«aula nobile» del Parlamento, sono un brutto viatico per il futuro.
E la forzatura decisa «per coerenza» da Prodi ha creato il gelo fra lui e Napolitano.
Se pure il Quirinale riuscirà a rimettere insieme un governo istituzionale, fotograferà equilibri politici morti; e un sistema sull'orlo della delegittimazione.
L'ipotesi è quella di un esecutivo a tempo, obbligato ad affidarsi alle formule più contorte della Prima Repubblica; ma è un'ipotesi tutta da verificare.
Se Napolitano riuscirà ad ottenere l'astensione benevola dell'opposizione, o un qualche accorgimento ancora da inventare per fare la riforma elettorale e votare nel 2009, bisognerà essergliene grati.
Il fronte ostile all'interruzione della legislatura è largo; ma anche frastagliato e intimidito, dopo il modo in cui Prodi ha voluto chiudere la propria esperienza.
Oggettivamente, i margini per riprendere il controllo della situazione si sono assottigliati drasticamente. Già si parla di elezioni all'inizio di aprile, come se tutte le tappe che da oggi il Quirinale studierà fossero bruciate in anticipo.
Non è escluso che in quel caso a portare l'Italia al voto sia Prodi, premier uscente.
Probabilmente, Berlusconi se lo augura: i più spaventati da questa prospettiva sarebbero alcuni alleati del Professore.




Categoria
 :.  ITALIA Politica  :..  Politica nazionale




pubblicazione: 25/01/2008
aggiornamento: 08/02/2008



galleria immagini (photo gallery) di ITALIA Politica Politica nazionale: "CAPOLINEA PER ROMANO PRODI", fotografie prese in di ITALIA Politica Politica nazionale; Soggetto: "CAPOLINEA PER ROMANO PRODI"
visite totali: 6.306
visite oggi: 4
visite ieri: 4
media visite giorno: 1,46
[c]




 
Schede più visitate in Politica nazionale

  1. CAPOLINEA PER ROMANO PRODI
  2. Marini e Bertinotti presidenti di Senato e Camera.
  3. L'Unione si conferma a Roma, Napoli e Torino. Sicilia e Milano alla Cdl
  4. Liberalizzazioni, via libera al decreto Bersani
  5. Brunetta: visita fiscale anche dopo un solo giorno di malattia
  6. Bossi: «Tornano i vecchi Dc. Bisogna prenderli a legnate»
  7. Nasce il governo Prodi
  8. STANGATA BOLLI AUTO
  9. Piero Fassino al telefono con Giovanni Consorte.
  10. Bufera Lega Nord , Umberto Bossi si è dimesso.
  11. PRODI IN SENATO
  12. Bankitalia boccia l'Opa di Unipol verso Bnl.
  13. Nasce "Futuro e libertà per l'Italia"
  14. I Ds recuperino libertà di giudizio.
  15. La dichiarazione dei redditi dei politici italiani
  16. Il Cav. pensa al voto in primavera ma teme l’effetto Prodi al Senato
  17. Con il pari, sì alla Grande Coalizione
  18. Berlusconi: «Inesistente mia scalata su Rcs»
  19. Ciampi boccia la legge sull'inappellabilità
  20. La manovra dell’Unione falcia il ceto medio
  21. Bollo sui Suv: non è chiaro chi lo pagherà
  22. «Elettori scippati al Pd che non si è rinnovato»
  23. Uno su quattro non vota più il Pdl
  24. Napolitano affida l’incarico a Enrico Letta
  25. Con l'indulto 12mila carcerati in libertà
  26. Bossi: «Molto difficile andare avanti così»
  27. "Così è una stangata iniqua invotabile"
  28. BERLUSCONI : ABOLIREMO L'ICI SULLA PRIMA CASA.
  29. IL CORRIERE DELLA SERA SI SCHIERA CON PRODI.
  30. Il governo incassa la fiducia: 342 sì
  31. PARMA : L'inaugurazione ufficiale della sede dell'Authority alimentare
  32. Duello in tv Berlusconi-Rutelli.
  33. Nuovo Psi, scissione e 2 segretari.
  34. Governo, sì della Camera alla fiducia
  35. Alitalia, via libera al salvataggio

esecuzione in 0,312 sec.