Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Consiglio Comunale  :. Campi nomadi, giunta sotto tiro
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




martedì
11
agosto
2020
Santa Chiara



Campi nomadi, giunta sotto tiro

Quello del campo nomadi e dell'integrazione dei suoi residenti è argomento sempre capace di scaldare gli animi e suscitare discussioni a briglia sciolta. E' accaduto anche ieri pomeriggio in consiglio comunale, dove la scena della prima seduta, dopo la lunga pausa elettorale, è stata dominata dal dibattito sulla gestione economica e sociale delle aree attrezzate di Croce Grossa. Tre ore di botta e risposta tra maggioranza e opposizione non sono bastate né ad esaurire i temi, né tanto meno a sottoporre al voto i tre ordini del giorno presentati: servirà così un supplemento di confronto in aula. Ma un orientamento politico maggioritario, tuttavia, è affiorato in maniera piuttosto trasversale: la necessità di rivedere regolamento di gestione dei due campi, per renderlo realmente applicabile.
A chiedere di portare all'attenzione dell'assemblea la situazione delle strutture dove sono insediati circa un centinaio di piacentini di etnia sinta, sono stati dieci consiglieri della minoranza. Le loro motivazioni sono state riassunte da Carlo Mazza (gruppo misto), che ha puntato il dito contro alcune inadempienze nei confronti della normativa che disciplina le aree, sollevando anche il problema delle responsabilità dei dirigenti competenti.
«Il regolamento dei campi nomadi è disatteso in varie parti - ha affermato - ed in particolare dal '98 nessuno si preoccupa di far pagare ai residenti le utenze di acqua e luce, spese finora coperte dalle casse comunali: la situazione appare così dimenticata e affrontata con superficialità». Considerazioni fatte proprie nel centrodestra da esponenti che hanno sempre avversato le strutture, pur realizzate dalla giunta Guidotti. «C'è un'evidente disparità di trattamento a vantaggio dei nomadi - ha sostenuto Marco Tassi (An) - e a scapito dei meno abbienti piacentini». Sullo stesso fronte i colleghi di partito Giorgio Antonini e Giuseppe Caruso, mentre Paolo Mancioppi (Lega Nord) ha sollecitato la giunta a spendersi per «recuperare i crediti». Non si è allineato, invece, il capogruppo di Forza Italia Massimo Trespidi, che ha invitato ad abbandonare la contrapposizione tra favorevoli e contrari al campo nomadi.
«Il regolamento va fatto osservare anche perché è un testo che fu condiviso da entrambe gli schieramenti - ha affermato - nella passata legislatura, e le strutture di Croce Grossa furono istituite per sanare una situazione di disagio: oggi servono proposte per integrare i nomadi e il modello potrebbe essere quello di Bologna, dove sono stati coinvolti nella creazione di cooperative sociali». Sul versante della maggioranza, le risposte alle critiche sono venute dalla replica dell'assessore ai Servizi sociali Leonardo Mazzoli, in coda al dibattito. «La revisione del regolamento - ha precisato - era già contenuta nelle linee di bilancio dell'amministrazione per il 2006, e terrà conto non soltanto di criteri burocratici, ma anche di natura sociale. Dobbiamo ricordare che alcuni problemi evidenziati sono congeniti alla realizzazione delle aree e sono già stati previsti interventi migliorativi, come la costruzione della rete fognaria e la posa di alberature». «In questi anni - ha aggiunto - i servizi sociali hanno seguito con costanza gli abitanti dei campi, tutelando soprattutto i bambini: sono deluso che il consiglio comunale abbia affrontato un tema come questo con toni assai discutibili. Dobbiamo evitare le guerre fra poveri: i sinti soffrono di emarginazione, smettiamo di farli passare come dei privilegiati».
In precedenza il capogruppo Ds Carlo Berra aveva sollecitato l'opposizione a non strumentalizzare l'argomento: «Minoranza e maggioranza furono tutti coinvolti in questa scelta di civiltà; rivediamo pure il regolamento per renderlo efficiente». Paola Votto (Piacentini Uniti) ha ricordato l'esigenza di superare il «fallimento» della ghettizzazione dei campi e Gianni D'Amo (Ds) ha stigmatizzato l'intransigenza solo verso i deboli, «in un paese come il nostro che non brilla certo per il rigore nel rispetto delle regole».
Mauro Ferri


pubblicazione: 22/04/2006

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Consiglio Comunale



visite totali: 714
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,13
[c]




 
Schede più visitate in Consiglio Comunale

  1. Diavolesse, Bruschini, bruscolini e bruschette.
  2. Assessorati, ecco la nuova "mappa"
  3. Compensi ai consiglieri, l'onorevole Foti è per l'austerity, ma i suoi lo bacchettano
  4. Giacomo Vaciago si dimette.
  5. Cisini, Silva, Boiocchi e Bulla sostituiscono i “colleghi” nominati in Giunta
  6. Indennità o gettone, facoltà di scelta a palazzo Mercanti
  7. Tutti i 40 eletti a Palazzo dei Mercanti: 24 alla maggioranza e 16 alla minoranza
  8. Il Consiglio si aumenta lo stipendio.
  9. Consiglio, già nove cambi di "maglia"
  10. Crocefisso nelle aule scolastiche
  11. Incarichi esterni, è muro contro muro.
  12. Ostruzionismo, tattica sbagliata e inutile ?
  13. Consiglio Comunale del 17/1/2005
  14. Stipendi alleggeriti in Comune
  15. «Reggi? Cerca la rissa, è lui a dividere il Pd"
  16. PIACENZA NOSTRA - UDC
  17. E' NATO IL REGGI BIS 2007
  18. Edoardo "Edo" Piazza capogruppo di Per Piacenza con Reggi
  19. «Non si sprechi suolo per l'Acna»
  20. Timpano e Polledri i "paperoni" del Consiglio Comunale
  21. Caso Ricciardi, il Polo non dà tregua.
  22. Alberto Squeri si è dimesso da Assessore
  23. CONSIGLIO COMUNALE
  24. «Muti quanto vuole per venire qui?»
  25. Difendiamo i crocefissi in aula.
  26. Reggi contro Marazzi
  27. Un consiglio che costa e perde tempo.
  28. Giugno 2002/dicembre 2004: il sindaco a metà mandato.
  29. Il parere di Luigi Salice
  30. Bruschini: «Non ho fatto nulla che richieda perdono»
  31. Gianni D'Amo
  32. Maggioranza spaccata sulle linee urbanistiche.
  33. RIFLESSIONE PER LA RIPRESA DEI LAVORI : Piacenza eco-vivibile, acqua a parte
  34. Che amarezza, la lista civica è senza peso
  35. Acqua & Società Mista

esecuzione in 0,093 sec.