Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Comune di Piacenza  :. Cacciatore e Palladini : Dosi non è all'altezza.
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




mercoledì
3
giugno
2020
San Carlo Lwanga e Compagni martiri



Cacciatore e Palladini : Dosi non è all'altezza.

Vicesindaco e assessore si dimettono e accusano: questo rimpasto è una pagliacciata.

Il rimpasto?
Una «pagliacciata» messa in piedi dall'esterno del Comune, con la regia renziana di Roberto Reggi e di qualche suo «ventriloquo» interno alla giunta che, sull'onda delle recenti vittorie congressuali, hanno deciso di fare piazza pulita dei «presunti guastatori» azzerando l'area bersaniana.

Il «cambio di passo» tanto invocato da renziani come il neo segretario provinciale Gian Luigi Molinari? Un pretesto bell'e buono se nel mirino finiscono gli assessori scomodi, perché il difetto sta nel manico, la spiegazione delle debolezze dell'azione di governo è tutta nell'«inadeguatezza» del sindaco, nella sua «incapacità» di affrontare con rapidità e risolutezza i problemi politico-amministrativi acuiti dalle asperità della crisi economica e dei tagli di risorse: la vera zavorra che «frena» il Comune si chiama Paolo Dosi.

Durissimi i giudizi di Francesco Cacciatore e Giovanna Palladini all'indirizzo del sindaco e dell'area del Pd a lui più vicina, la maggioranza renziana. Li hanno espressi ieri pomeriggio in una conferenza stampa in cui hanno annunciato le loro dimissioni da assessori e, nel caso di Cacciatore, da vicesindaco. Un atto «simbolico», hanno riconosciuto loro stessi, dal momento che la volontà di ritirare loro le deleghe Dosi gliel'ha comunicata il giorno prima nei colloqui individuali che sta avendo con tutti i componenti della giunta in vista del rimpasto che conta di chiudere entro lunedì.

Simbolico, ma dal valore politico pesantissimo: tu ci sfiduci?
No, siamo che noi che ti sfiduciamo anticipando l'uscita di scena con parole di fuoco. Questo il senso delle dimissioni degli ormai ex assessori, entrambi bersaniani come gli altri due loro compagni di area prossimi al siluramento, Pierangelo Romersi e Silvio Bisotti (anche se sul destino di quest'ultimo restano delle incognite).

«Siamo in presenza di un sindaco inadeguato che, manifestamente sotto dettatura, tenta di motivare con esigenze di coesione di giunta un'operazione che non c'entra nulla con i problemi della città, che ha un copione scritto fuori dal Comune e imposto a Dosi», è stato l'esordio al veleno di Cacciatore che ha sottolineato come «nessuna contestazione di merito» sul loro operato sia stata mossa dal primo cittadino.

«Gliel'ho chiesto nell'incontro a due», è stata Palladini ancora più esplicita sul punto, «perché mi rimpiazzava, e non ha saputo rispondermi se non con la "necessità di adeguarsi a un contesto".

In precedenza, quando ha criticato il nostro sostegno alla candidatura di Roberta Valla alla segretaria provinciale del Pd, gli ho chiesto se riteneva che dovessi dimettermi.
Ma mi ha rassicurato che per lui tutto restava come prima.
Gli ho pure chiesto che senso abbia avuto, il 23 dicembre, la cena degli auguri a casa sua con tutta la giunta (anche se mancavano due assessori le cui assenze ora capisco che non erano casuali) se già aveva deciso di estrometterci: "Era l'ultimo tentativo per tenere tutto insieme", mi ha risposto. Ma ora mi risulta chiaro il motivo del libro che nell'occasione mi ha regalato: "L'amicizia pura" di Simone Weil. E' cioè evidente che lui ha subito pressioni a cui non ha saputo resistere».

«Risibili», anche secondo Palladini, le motivazioni con cui Dosi ha giustificato il rimpasto: «Mi ha spiegato che serve una squadra più omogenea, meno litigiosa, ma forse non bisogna più discutere se si hanno opinioni diverse? La verità è che è stato un anno e mezzo di grande sofferenza, segnato sin dall'inizio da quell'esordio burrascoso della formazione della giunta: tutte le questioni più importanti, che potevano essere prese con rapidità, sono state frenate dall'indecisione del sindaco, da palazzo uffici all'asilo Vaiarini. Ieri (mercoledì per chi legge, ndr) davanti a me ha ammesso che è dovuto alla sua incapacità di fare sintesi. E in effetti nelle sedute di giunta non ha mai detto la sua opinione sugli atti che portavamo, non c'è mai stato un suo effetto di traino. Se c'erano opinioni divergenti, puntualmente la pratica veniva rinviata».

Cacciatore, in proposito, ha allargato l'analisi parlando di «una cappa ideologica che grava da anni sul Comune e che è basata sulla continuità delle grandi scelte, vere o presunte, fatte dalle precedenti amministrazioni: molte erano da me condivise, ma non si può perseguirle al di là del bene e del male quando le condizioni di fattibilità non esistono più».
Riferimento ai progetti ereditati dalle giunte Reggi, in primis palazzo uffici («Non si può impiegare un anno e mezzo per capire che non è più fattibile») fino al dietrofront sulla piscina olimpionica: «Molte di queste scelte si sono fermate perché sono emersi dei problemi legati alla crisi economica, non possono essere liquidati dicendo "volete tornare indietro".
Purtroppo il sindaco ha subito questa situazione di continuo tira e molla, ne prendiamo atto, ma non si può andare avanti così, non è il paese dei balocchi».

«Non è un caso se il primo a parlare di rimpasto dopo le primarie nazionali del Pd è stato Roberto Reggi», ha incalzato l'ex vicesindaco.
E Palladini al vetriolo: «Reggi ha preso la mira, Molinari ha alzato il grilletto e Dosi ha sparato». «Pur se con l'amarezza di chi ha lavorato con onestà e ha visto calpestata la sua dignità, auguro al sindaco e alla nuova giunta di lavorare bene e di risolvere i problemi», ha aggiunto prima della chiosa di Cacciatore: «Se il tappo siamo noi, per l'interesse generale le poltrone le liberiamo. Anch'io spero che il nuovo assetto di governo possa superare i problemi, sapendo però che adesso non ci sono più alibi per il raggiungimento degli obiettivi di mandato».
Gustavo Roccella
LIBERTA' del 11/01/2014


pubblicazione: 11/01/2014
aggiornamento: 12/01/2014

epurazione pd 18752
epurazione pd

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Comune di Piacenza



visite totali: 2.409
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 1,03
[c]




 
Schede più visitate in Comune di Piacenza

  1. Fumata bianca, nasce la giunta Reggi
  2. Comunali 2012, partenza lunga
  3. Comune di Piacenza : ecco la Giunta Dosi-bis
  4. Il nuovo Consiglio Comunale di Piacenza
  5. Il cittadino? Lo accoglieremo in salotto
  6. «Piacenza città-pilota sull'uso dei beni demaniali
  7. Reggi e Guidotti si confrontano sul tema della viabilità cittadina
  8. Polizia Municipale: rischio declassamento.
  9. Riforma del Comune a costo zero
  10. Canile, "guerra dei tesserini" tra Tarasconi ed Arca di Noè
  11. ASP Città di Piacenza, in vista la revoca di Mazzoli ?
  12. Le preferenze dei candidati aspiranti Consiglieri Comunali.
  13. Lo sconfitto: «Mi dimetterò dal consiglio, non è il mio ruolo»
  14. "PIACENZA NOSTRA" cambia nome e simbolo
  15. Carta etica, l'impegno del Comune per la civile convivenza e la legalità
  16. «La comandante Boemi ha risarcito il Comune»
  17. Riqualificazione urbana - Ex fiera, piano riveduto e corretto
  18. Enrico Gadola, segretario comunale a tempo.
  19. Quartiere 4: consiglio rinviato tra le polemiche
  20. Vaciago : Politica, non pettegolezzi !
  21. Preferenze, le sorprese dell'ultima ora
  22. REGGI, OPINIONE BIZZARRA
  23. Polemica con voto saltato su via "Martiri di Nassiriya"
  24. Cacciatore e Palladini : Dosi non è all'altezza.
  25. City manager bi-laureato alla guida del Comune
  26. La protesta dei dipendenti comunali
  27. Trespidi (Fi):«Nominare il segretario comunale»
  28. Il Comune di Piacenza non paga i fornitori ed è esposto per 2 milioni di euro.
  29. Squadra nata tra veti e litigi
  30. Neoassessore Luigi Gazzola
  31. In Comune ci vuole il segretario
  32. Nasce la squadra di Reggi.
  33. Diana Rita Naverio nuovo Segretario-Manager del Comune di Piacenza
  34. C130, attesi i familiari delle vittime
  35. Reggi costretto al rinvio, oggi la Giunta

esecuzione in 0,093 sec.