Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Casa delle Libertà  :. BERLUSCONI-BIS : è il 59esimo governo della Repubblica.
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




lunedì
3
agosto
2020
Santa Lidia



BERLUSCONI-BIS : è il 59esimo governo della Repubblica.

Ha giurato nelle mani del Capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi, il terzo esecutivo Berlusconi.
A pronunciare la formula di rito di fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione, è stato per primo il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, seguito poi dai due vicepremier Fini e Tremonti e dai ministri che compongono la nuova squadra.

Il Berlusconi III è il 59esimo governo della Repubblica.
Finora sono stati sei, compreso l'attuale premier, i presidenti del Consiglio che, anche in diverse legislature, hanno guidato per tre volte il governo: Giulio Andreotti, Mariano Rumor, Aldo Moro, Amintore Fanfani, e Alcide De Gasperi.
Il record di governi spetta a De Gasperi, che ne ha guidati otto, seguito da Andreotti con sette.


Ecco in sintesi le novità.
Vicepremier saranno Fini e Tremonti al posto di Follini, Storace (An) andrà alla Sanità al posto di Sirchia, Landolfi (An) alle Comunicazioni per Gasparri, La Malfa (Pri) alle Politiche Comunitarie al posto di Buttiglione, Buttiglione (Udc) sostituisce Urbani ai Beni Culturali, Scajola (Forza Italia) alle Attività Produttive per Marzano, Stefano Caldoro (Nuovo Psi) all'Attuazione del Programma in sostituzione di Scajola.
Nasce poi un nuovo ministero: Sviluppo e Coesione Territoriale, che sarà presieduto da Gianfranco Miccichè di Forza Italia, già vice ministro dell'Economia.
Confermati Pisanu agli Interni, Fini agli Esteri, Siniscalco all'Economia, Maroni al Welfare, Castelli alla Giustizia, Calderoli alle Riforme, Martino alla Difesa, Alemanno alle Politiche Agricole, Matteoli all'Ambiente, Lunardi alle Infrastrutture, Moratti all'Istruzione, Tremaglia al Ministero degli Italiani all'estero, Baccini alla Funzione Pubblica, La Loggia agli Affari Regionali, Giovanardi ai Rapporti col Parlamento, Stanca all'Innovazione, Prestigiacomo alle Pari Opportunità.

Ecco dunque cosa cambia nel nuovo Esecutivo.
Si registra l'ingresso di socialisti e repubblicani (Caldoro, del Nuovo Psi, e La Malfa, del Pri).
L'Udc perde il vicepremier Follini, An guadagna un ministro (Storace alla Sanità).
Immutata la delegazione della Lega.
Escluso il Presidente del Consiglio, Forza Italia ha 7 ministri: Tremonti, La Loggia, Prestigiacomo, Pisanu, Scajola, Martino e Miccicchè.
An ne ha 6: Fini, Tremaglia, Alemanno, Matteoli, Storace e Landolfi.
La Lega 3: Castelli, Maroni e Calderoli.
Anche l'Udc ha 3 ministri: Giovanardi, Baccini e Buttiglione.
Il Nuovo Psi conquista 1 Ministero con Caldoro, così come il Pri, con La Malfa.
I tecnici sono quattro: Siniscalco, Moratti, Lunardi e Stanca.



ECCO LA COMPOSIZIONE DEL NUOVO GOVERNO.

Presidenza del Consiglio:
premier: Silvio Berlusconi;
vicepresidenti del Consiglio: Gianfranco Fini e Giulio Tremonti;
sottosegretari: Paolo Bonaiuti e Gianni Letta.

Riforme istituzionali:
ministro: Roberto Calderoli;
sottosegretari: Aldo Brancher, Antonio Carrara.

Attuazione del programma:
ministro: Stefano Caldoro;
sottosegretario: Giovanni Dell'Elce.

Funzione pubblica:
ministro: Mario Baccini;
sottosegretario: Learco Saporito.

Affari regionali:
ministro: Enrico La Loggia;
sottosegretari: Alberto Gagliardi e Luciano Gasperini

Innovazione e tecnologie: Lucio Stanca

Pari opportunità: Stefania Prestigiacomo

Italiani nel mondo: Mirko Tremaglia

Sviluppo e coesione territoriale: Gianfranco Miccichè.

Rapporti con il Parlamento:
ministro: Carlo Giovanardi;
sottosegretari: Cosimo Ventucci e Gianfranco Conte.

Affari Esteri:
ministro: Gianfranco Fini;
sottosegretari: Roberto Antonione, Margherita Boniver, Alfredo Luigi Mantica; Giancarlo Bettamio e Giuseppe Drago.

Interno:
ministro: Giuseppe Pisanu;
sottosegretari: Maurizio Balocchi, Antonio D'Alì, Alfredo Mantovano, Michele Saponara e Gian Piero D'Alia.

Giustizia:
ministro: Roberto Castelli;
sottosegretari: Jole Santelli, Giuseppe Valentino, Luigi Vitali e Pasquale Giuliano.

Economia e finanze:
ministro: Domenico Siniscalco;
viceministri: Mario Baldassarri e Giuseppe Vegas;
sottosegretari: Maria Teresa Armosino, Manlio Contento, Daniele Molgora e Michele Vietti.

Attività Produttive:
ministro: Claudio Scajola;
viceministro: Adolfo Urso;
sottosegretari: Giuseppe Galati, Mario Valducci, Roberto Cota e Giovan Battista Caligiuri.

Istruzione, università e ricerca:
ministro: Letizia Moratti;
viceministri: Guido Possa e Giovanni Ricevuto;
sottosegretari: Valentina Aprea e Maria Grazia Siliquini

Lavoro e politiche sociali:
ministro: Roberto Maroni;
sottosegretari: Alberto Brambilla, Maurizio Sacconi, Grazia Sestini, Pasquale Viespoli, Roberto Rosso e Francesco Saverio Romano.

Difesa:
ministro: Antonio Martino;
sottosegretari: Filippo Berselli, Francesco Bosi, Salvatore Cicu e Rosario Giorgio Costa

Politiche agricole e forestali:
ministro: Gianni Alemanno;
sottosegretari: Paolo Scarpa Bonazza Buora, Giampaolo Dozzo e Teresio Delfino

Ambiente e tutela del territorio:
ministro: Altero Matteoli;
viceministro: Francesco Nucara;
sottosegretari: Stefano Stefani e Roberto Tortoli.

Infrastrutture e trasporti:
ministro: Pietro Lunardi;
viceministri: Ugo Martinat e Mario Tassone;
sottosegretari: Nino Sospiri, Guido Viceconte, Paolo Uggè, Silvano Moffa, Mauro del Bue e Federico Bricolo.

Salute:
ministro: Francesco Storace;
sottosegretari: Cesare Cursi, Domenico Di Virgilio, Elisabetta Casellati e Domenico Zinzi.

Beni culturali:
ministro: Rocco Buttiglione;
vice ministro, Antonio Martusciello;
sottosegretari: Nicola Bono e Mario Pescante.

Comunicazioni:
ministro: Mario Landolfi;
sottosegretari: Massimo Baldini e Paolo Romani.

Politiche comunitarie:
ministro: Giorgio La Malfa.


pubblicazione: 23/04/2005
aggiornamento: 25/06/2005

 5634

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Casa delle Libertà



visite totali: 4.819
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,86
[c]




 
Schede più visitate in Casa delle Libertà

  1. SILVIO BERLUSCONI COLTO DA MALORE.
  2. Processo SME, Berlusconi assolto.
  3. La rottura nella Cdl è ormai cosa certa.
  4. Berlusconi si è dimesso.
  5. BERLUSCONI-BIS : è il 59esimo governo della Repubblica.
  6. I “tifosi” di Follini restano dietro le quinte
  7. Il Senatùr
  8. MITICO
  9. UN GESTO ESTREMO, MA LUCIDO
  10. Per fare, per crescere, per essere liberi.
  11. Il premier: ora Follini non potrà mettersi fuori dal Polo
  12. ALLEANZA PER LA LIBERTA'.
  13. Vicenza : Berlusconi incontra a sorpresa gli industriali.
  14. "Il 2005 potrà essere l'anno della svolta"
  15. Follini ricompatta l'Udc: «Non siamo anomalia»
  16. ADORNATO: ORIZZONTE PIÙ VICINO PER IL PARTITO DELLA LIBERTÀ.
  17. Lettera al Corriere della Sera di Roberto Formigoni.
  18. Berlusconi brevetta il Partito della Libertà
  19. Berlusoni, MVB e la mezza verità del Partito della Libertà
  20. Il «celeste» Roberto studia da premier.
  21. Intervista a Marco Follini
  22. An deve scegliere o lo statalismo o l’innovazione
  23. Centrodestra italiano al bivio
  24. Casini, i moderati, il bipolarismo.
  25. BERLUSCONI A "PORTA A PORTA"
  26. Gianfranco Fini : non sono una pecora.
  27. www.scendoinpiazza.it
  28. Berlusconi: "Prodi cadrà a novembre"
  29. GOVERNO DEBOLE PREMIER FORTE
  30. Berlusconi accelera, in Europa va Buttiglione
  31. Documento del Comitato di Todi
  32. L'Unità, Stalin e Berlusconi
  33. Dal 13 maggio 2001 al 20 aprile 2005.
  34. Berlusconi ad An : "Riflettiamo sulla devolution".
  35. Intervista a Rocco Buttiglione.

esecuzione in 0,078 sec.