Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Partito della Libertà  :. Berlusconi-Alfano, ormai è guerra
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




lunedì
29
novembre
2021
San Saturnino



Berlusconi-Alfano, ormai è guerra

La scissione Pdl è ormai conclamata.
Il solco tra i due protagonisti, Berlusconi e Alfano, non appare colmabile.

Il vice-premier sostiene in tivù, ospite di Maria Latella, che è indispensabile per l’Italia mandare avanti Letta, e dentro le larghe intese la funzione del centrodestra risulta essenziale. Dunque, a provocare la crisi lui non ci pensa nemmeno.

Il Cavaliere, dal canto suo, non rinuncia al proposito di lasciare la maggioranza.

Si è convinto che lanciarsi all’attacco del governo gli conviene comunque, lo «status» di leader dell’opposizione sarebbe in fondo più decoroso che sostenere Letta senza voce in capitolo.
Tra l’altro i suoi avvocati gli fanno credere che, nella veste di oppositore, i giudici ci andranno più cauti, altrimenti a suo sostegno interverrebbero le organizzazioni umanitarie mondiali...


Insomma, le strade si separano.
L’«Huffington Post» ha pubblicato a sera un’intervista del Cavaliere che non cita Alfano con nome e cognome, però gli lancia uno sprezzante ultimatum: torna subito indietro o seguirai la sorte di Fini. Dall’antifona si capisce subito dove Silvio vuole parare: «Come può pretendere il Partito democratico che i nostri senatori e i nostri ministri continuino a collaborare con chi, violando le leggi, compie un omicidio politico, assassina politicamente il leader dei moderati?». È l’annuncio del distacco dalla maggioranza, senza nemmeno bisogno di attendere il Consiglio nazionale sabato prossimo.
Ed ecco l’affondo contro i dissenzienti: «Se si contraddicono i nostri elettori, non si va da nessuna parte. Anche Fini e altri ebbero due settimane di spazio sui giornali, ma poi è finita come è finita. Ripeto: è nel loro interesse ascoltare cosa dicono i nostri elettori, per non commettere errori che li segnerebbero per tutta la vita».
Prepariamoci a una campagna molto aggressiva contro chi dovesse «tradire».

Ma cosa aveva detto poco prima Alfano di talmente esplosivo da provocare un botto del genere?
In modo assai civile, il vice-premier aveva snocciolato i 3 motivi per cui (secondo lui, si capisce) abbattere Letta sarebbe un tragico sbaglio.
Nell’ordine: «Se cade il governo, ne arriva uno di sinistra-sinistra. Una scelta radicale ed estremista sarebbe difficile da far capire agli italiani. Contro Berlusconi arriverà l’interdizione in ogni caso, dunque andremmo al voto senza il nostro campione».
La sintesi è che «le elezioni anticipate sarebbero un danno per l’Italia, per il partito e per Berlusconi medesimo».
Prendendo tempo, viceversa, le cose forse cambierebbero.
Nel 2014, il Cavaliere «potrebbe dimostrare la propria innocenza perché il caso non è chiuso, l’ordinamento giuridico prevede delle possibilità... Al prossimo giro potrebbe essere lui il nostro candidato premier... E comunque meriterebbe di fare il senatore a vita...».
Nell’immediato, secondo Anfano, i ministri Pdl saranno «lo scudo contro gli errori che la sinistra commetterebbe».
Esempio: «Senza di noi le frontiere sarebbero un colabrodo, si pagherebbe senza contanti», e sull’Imu sarebbe passata la linea di Saccomanni, insomma mano al portafogli per la seconda rata.


Giusto il tempo di congedarsi dai telespettatori, ed ecco Angelino bersagliato da una gragnuola di dichiarazioni, alcune francamente insultanti.
Tralasciando queste ultime, a dettare la svolta della giornata è stata la discesa in campo di Fitto, leader dei «lealisti». Durissimo.
Spietato quasi quanto la Santanché (secondo la Pitonessa, Alfano ha «illustrato un programma vincente per correre alle primarie del Pd»).
Sostiene Fitto: «La rotta di Alfano è chiaramente alternativa rispetto a quella indicata da Berlusconi. Da un lato si dà per acquisito il voto sulla sua decadenza. Dall’altro si finge di non vedere che la legge di stabilità reintroduce la tassa sulla casa».
Fitto ha insistito con Berlusconi (già abbastanza propenso di suo) che una risposta ad Alfano non poteva mancare.
Ed è arrivata dopo il tigì.
Sintetizza un «falco» intelligente Osvaldo Napoli: «L’unità è una finzione, inutile prenderci in giro».

da www.lastampa.it del giorno 11 novembre 2013


pubblicazione: 11/11/2013

 18698

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Partito della Libertà



visite totali: 2.892
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,98
[c]




 
Schede più visitate in Partito della Libertà

  1. Al via il Partito della Libertà
  2. Forza Italia addio, confluirà nel Pdl
  3. Il nuovo partito si chiamerà "Il Popolo della Libertà"
  4. Berlusconi-Alfano, ormai è guerra
  5. BERLUSCONI : FONDO IL PARTITO DEL POPOLO
  6. Berlusconi: «Obama? Bello e abbronzato»
  7. BERLUSCONI PRESENTA IL NUOVO PARTITO
  8. Pdl, intesa sui candidati
  9. BERLUSCONI: FORZA ITALIA NON SI SCIOGLIE
  10. Fuoco «amico» su Michela Brambilla.
  11. Governo Berlusconi IV: chi sono i ministri
  12. Il Cavaliere incerto scivola sotto il 30 per cento
  13. Nel 2013 non mi ricandido
  14. Forza Italia-An sotto stesso simbolo
  15. Pdl, Berlusconi lancia il programma
  16. Alfano : "Berlusconi circondato da inutili idioti"
  17. Nasce il Pdl, scontro con Casini
  18. Porte aperte, se no resteranno isolati
  19. Berlusconi : «Un pasticcio che ci costa 3 punti»
  20. NASCE IL PARTITO DEL POPOLO ITALIANO.

esecuzione in 0,093 sec.