Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Debito pubblico - Legge finanziaria.  :. Berlusconi: riforma fiscale sarà legge in 50 giorni
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




lunedì
8
marzo
2021
San Giovanni di Dio



Berlusconi: riforma fiscale sarà legge in 50 giorni

Si parte con le aziende, nel 2006 tre aliquote fiscali.

«Abbiamo messo a punto una riforma organica sul fisco che sarà legge entro 50 giorni a partire da oggi»: l'annuncio di Silvio Berlusconi arriva in una conferenza stampa a Palazzo Chigi con il ministro dell'Economia Domenico Siniscalco.
Berlusconi ha annunciato: «C'è l'accordo fra tutti, presto presenteremo un emendamento».
La riduzione dell'Ire (che sostituirà l'Irpef) «è confermata con tre aliquote a partire dal primo gennaio 2006», ha detto il presidente del Consiglio, che ha aggiunto come ci sia una «pressione da parte di tutti per sostenere la competitività e il potere acquisto per le famiglie che faticano ad arrivare a fine mese».

«DA SOLO AVREI FATTO SCELTE PIU' CORAGGIOSE» -
«Non è un mestiere facile quello del leader di una coalizione.
Certamente, se potessi decidere da solo, per come la vedo io, certe scelte del passato sarebbero state anche più coraggiose e tempestive. Purtroppo, un generale fa le guerre con i soldati che si ritrova sul campo, non con soldati immaginari....».

LA SCELTA -
Il governo, secondo Berlusconi, partirà con i tagli dell'Irap, «per consentire il rilancio delle imprese».
Il premier ha detto che questa decisione è stata presa dopo aver ascoltatole parti sociali, tutte le categorie.
«Intendevo partire prima con l'Ire - ha detto -, ma ho ritenuto di dover aderire a questa scelta, al di là delle mie preferenze personali e dei miei convincenti».
A chi gli chiedeva cosa lo avesse indotto a rivedere la sua posizione sul taglio delle tasse, ha risposto: «E' cambiato che abbiamo ascoltato un po' tutti: le parti sociali, gli imprenditori, gli artigiani, le banche , la banca d'italia, la commisione europea, i mercati... soprattutto i mercati che hanno insistito molto sulla totale copertura delle riduzioni fiscali».
Sull'Ire il premier ha detto anche che «si può pensare ad introdurre un contributo di solidarietà per i redditi a 100 mila, 120 mila, 150 mila euro quando si interverrà».

MAASTRICHT - L' intervento complessivo della riduzione dell' Irap nel 2005 e della nuova curva Ire nel 2006 varrà «un punto di Pil, cioè circa 11 miliardi di euro», ha detto ancora Berlusconi, che poi ha attaccato i parametri di Maastricht: «Non consente politiche di riduzione fiscale in grado di dare impulso all'economia».
Parlando del debito pubblico, il premier ha detto che in tre anni potrà scendere «sotto il 100%».
Il premier ha parlato anche dell'euro definendo «eccessivo» il valore in confronto al dollaro: «Vale oggi 1,30 dollari - ha detto Berlusconi -, vi ricordate tutti che quando la moneta unica partì valeva circa 0,85 dollari. Una moneta così forte su cui non possiamo intervenire e che si è avvalorata in modo eccessivo - ha proseguito - e la impossibilità di intervenire con politiche di deficit crea delle difficoltà».

GOVERNO - Berlusconi ha anche parlato del governo: entro il 18 ci sarà il nuovo ministro degli Esteri. «Il candidato è evidente», ha detto, con riferimento al nome di Gianfranco Fini. Ma poi ha aggiunto che «oltre agli esteri ci saranno altre modifiche» e che si occuperà della squadra di governo dopo aver chiuso la questione fisco. Tuttavia ha smentito il varo di un «Berlusconi bis».§

L'OPPOSIZIONE: ENNESIMO INGANNO - Il centrosinistra compatto irride le conclusioni del vertice del centrodestra sul fisco. In varie dichiarazioni polemiche la Gad si sofferma sulla decisione di realizzare solo nel 2006 la riduzione dell'irpef e sottolinea che si tratta dell' «ennesimo annuncio di tagli e dell' ennesimo rinvio» dopo che già all'inizio della legislatura, nel 2001, Berlusconi aveva «promesso una imminente riduzione fiscale» per i contribuenti. Per quanto riguarda, invece, la decisione di ridurre l'Irap già dal 2005, come chiesto da Confindustria, e di predisporre misure per le fasce più deboli, l'opposizione con Piero Fassino ricorda che si tratta di «proposte che il centrosinistra avanza da tempo» e la maggioranza dovrebbe avere «l'onestà e la sincerità di riconoscerlo».


pubblicazione: 11/11/2004

Meno tasse 4577
Meno tasse

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Debito pubblico - Legge finanziaria.



visite totali: 4.163
visite oggi: 2
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,69
[c]




 
Schede più visitate in Debito pubblico - Legge finanziaria.

  1. Tasse, trovata l'intesa.
  2. Il Dpef per gli anni dal 2005 al 2008
  3. LA MANOVRA ECONOMICA
  4. «Subito più rigore e una scossa per lo sviluppo»
  5. DL 168/2004 (TAGLIASPESE)
  6. Berlusconi: riforma fiscale sarà legge in 50 giorni
  7. Finanziaria: limiti alle spese. E più tasse
  8. La situazione è grave, vera recessione.
  9. Tremonti: il Dpef è un testo da seminario
  10. Ancora Montezemolo...
  11. Il premier : "Se le tasse sono alte, l'evasione è un fatto morale".
  12. Sì definitivo del Senato alla Finanziaria.
  13. Finanziaria più leggera per Comuni ?
  14. Meno tasse per tutti: il piano del governo per la riduzione fiscale.
  15. Siniscalco: taglio delle tasse, perché siamo partiti dall' Irap.
  16. Siniscalco si è dimesso.
  17. Fiducia del Senato alla Finanziaria
  18. Manovra, dalla Camera l'ultimo sì
  19. LA MANOVRA DEL GOVERNO (Schema dl Cdm 9.7.2004).
  20. Berlusconi: «Niente addizionali sull'Irpef».
  21. La missione impossibile di un economista di valore
  22. Meno tasse.
  23. Siniscalco: «Una manovra semplice e solida»
  24. Finanziaria, si va verso la fiducia. Pronto il maxi-emendamento.
  25. La Consulta boccia il Decreto Legge 2004 sui tagli a regioni e comuni.
  26. Berlusconi: "Sulle tasse indisponibile a voltafaccia.
  27. Perdono tributario a tutto campo
  28. Allarme di Fazio: conti pubblici, situazione grave.
  29. La Ue: rischio deficit. Siniscalco: ce la faremo.
  30. LA SOLUZIONE «2 PER CENTO»
  31. Il Dpef 2005-2008
  32. La nuova Finanziaria
  33. Finanziaria : ulteriore correzione da 6 miliardi di euro.
  34. Taglio tasse: Berlusconi, «Vado avanti»
  35. Testo provvisorio della legge finanziaria.

esecuzione in 0,093 sec.