Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  PdL  :. Berlusconi : Assegno mensile di 3 milioni all'ex moglie
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




mercoledì
21
ottobre
2020
Sant'Orsola e compagne martiri



Berlusconi : Assegno mensile di 3 milioni all'ex moglie

«Soddisfatta? E chi non lo sarebbe per 3 milioni di euro al mese... ».

Si confida solo con pochi amici, come sempre, Veronica Lario, che da Natale è una delle mogli separate (ex lo sarà solo dopo il divorzio) più ricche d'Italia.
La nona sezione civile del Tribunale di Milano ha depositato nei giorni di festa, la sentenza relativa alla causa di separazione dall'ex premier Silvio Berlusconi.

L'assegno di mantenimento sarà di 3 milioni di euro al mese (lei, secondo le indiscrezioni dei mesi scorsi, ne aveva chiesti 3,5, lui non voleva darle più di 300mila al mese), circa 100mila euro al giorno, anche se al netto delle tasse.

Ha ottenuto quindi in parte ciò che voleva Miriam Raffaella Bartolini, nata a Bologna nel 1956, moglie di Silvio Berlusconi dal 15 dicembre del 1990 al 2009.
È del 3 maggio di quell'anno la conferma ufficiale della sua intenzione di divorziare dall'ex premier. La fine di un matrimonio da favola, vissuto sotto gli occhi di tutti, tra lettere pubblicate dai giornali, smentite, strappi, ricuciture, alti e bassi. Una fine che rischiava di diventare ancora più tragica, soprattutto per i figli, se i due ex coniugi si fossero impuntati nel portare avanti la "separazione con addebito".

L'ex signora Berlusconi dovrà però rinunciare alla Villa Belvedere di Macherio, quella dove tanti anni fa si faceva fotografare felice con i tre figli ancora bambini, rincorrendo caprette. «Ma le disposizioni sono suscettibili di variazioni in sede di divorzio», precisano fonti legali vicine a Veronica. «Tecnicamente potrebbero esserci ancora delle modifiche», ammette anche il legale di Berlusconi Cristina Rossello. Forse quindi la battaglia non è del tutto conclusa. Troppo vasti sono gli interessi in gioco, considerando il patrimonio societario e immobiliare di Silvio Berlusconi.

Per il momento quindi Veronica incassa un congruo assegno mensile ma non potrà tornare nella sua dimora da sogno in Brianza, da dove se ne era andata all'inizio del 2010 trasferendosi nella suite delux dell'Hotel de La Ville di Monza, con vista sulla Villa Reale. «Non posso stare con un uomo che frequenta minorenni», aveva scritto nel 2009 dopo che era scoppiato il caso di Noemi, la 18enne di Casoria.
Poi aveva parlato di «veline-ciarpame».
E un quotidiano aveva pubblicato una sua foto da giovane a seno nudo titolando "La velina ingrata". In quei giorni, con la figlia Barbara quasi al termine della sua seconda gravidanza, decide chiudere il suo matrimonio.
Si affida da un legale donna, Maria Cristina Morelli, una seria professionista, che difende la privacy della sua assistita, senza mai lasciarsi attirare dai riflettori.
Oltre due anni di scaramucce legali, con i due coniugi che un paio di volte si sono incontrati per venire a un accordo, alle volte quasi a portato di mano, alle volte più lontano. Fino ai 36 milioni di euro l'anno decisi per Veronica.

«Evidentemente ci sono anche separazioni di diamante», ha scherzato l'ex sindaco socialista di Milano Paolo Pillitteri che celebrò il matrimonio con rito civile il 15 dicembre del 1990.
«Cifre scandalose, una vergogna», si è infuriata Iva Zanicchi, secondo la quale la sentenza in questo momento preelettorale «rappresenta un attacco a Berlusconi».
Difende invece Veronica, Marysthellle Polanco, una delle "Olgettine". «È la madre dei suoi figli - dice - e lui può darle anche di più».
Lei, come altre ragazze delle cene di Arcore, racconta, continua a prendere dall'ex premier 2.500 euro al mese.
Marisa Alagia
29/12/2012


pubblicazione: 29/12/2012
aggiornamento: 30/12/2012

 18170

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  PdL



visite totali: 1.461
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,51
[c]




 
Schede più visitate in PdL

  1. Roma, il Popolo della Libertà in piazza
  2. RINGIOVANITO E DIMAGRITO : IMMORTALE !!!!
  3. NASCE IL POPOLO DELLA LIBERTA'
  4. Angelino Alfano nuovo segretario del Popolo della Libertà
  5. Berlusconi-Fini, è rottura totale ?
  6. Berlusconi: "C'è la maggioranza. Niente governi tecnici".
  7. Camera, salta l’elezione della Santanché
  8. Fini: «Berlusconi non avrà la fiducia»
  9. E' nato il Pdl. BERLUSCONI: La rivoluzione della libertà
  10. Con i "promotori della libertà" Berlusconi lancia un messaggio a Fini
  11. "Sarò io il Presidente del Consiglio nel 2013"
  12. Sul Pdl l’ombra della scissione
  13. «Il premier rassegni le dimissioni, se no, noi usciremo dal governo»
  14. Lettera di Silvio Berlusconi ai Promotori della Libertà
  15. Blitz di Ferragosto.
  16. Tremonti: «L'austerità è una necessità»
  17. L'alternativa al governo è quella delle elezioni anticipate
  18. Il Pdl ottiene l’election day il 10 marzo
  19. Formigoni, c'è l'invito a comparire
  20. Ricevute? Buttate via.... L'amicizia? non è reato.
  21. L’intervento del segretario politico Alfano al Consiglio nazionale del PdL
  22. Alfano: «Nel Pdl ora primarie per tutti»
  23. Bondi: "Fini sbaglia dalla A alla Z"
  24. ISCRIVITI ANCHE TU AL POPOLO DELLA LIBERTA'
  25. Primarie Pdl rischio flop: Alfano riuscirà a farle?
  26. Berlusconi: «Nel 2013 non mi candido»
  27. Il Cavaliere versione Santanchè tradisce il partito Mediaset
  28. Bossi: "Fine dell'alleanza Lega-Pdl"
  29. Berlusconi a giudizio immediato
  30. Primo Congresso Pdl : Il discorso d'apertura di Sivio Berlusconi
  31. Berlusconi: ««Mai pensato ad elezioni anticipate»
  32. Bocchino: «Epurato da Berlusconi»
  33. Il caso Fini agita il centro-destra
  34. Il ritorno a casa di Berlusconi.
  35. Bluff e rilanci. Ma la partita non finisce qui.

esecuzione in 0,171 sec.