Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  PIACENZA A COLORI  :.  Forum Piacenza  :. Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio
sottocategorie di PIACENZA A COLORI
 :. Colori piacentini.
 :. Eventi.
 :. Forum Piacenza
 :. Ritratti.
 :. Piacenza vista dagli altri




domenica
8
dicembre
2019
Immacolata Concezione



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio

Poco competitivi con l'estero, con una crescita del Pil in costante rallentamento e con una situazione delle finanze pubbliche a dir poco difficile. Ma con un sistema bancario che ha migliorato la propria redditività ed il proprio grado di internazionalizzazione, ha incrementato i propri mezzi patrimoniali e ha continuato a fornire sostegno alle aziende, sia a quelle più grandi che a quelle medio-piccole. E' questo il quadro dell'economia italiana che emerge dall'incontro di studio tenutosi ieri nella filiale piacentina della Banca d'Italia, che prendeva le mosse dalla recente relazione annuale del Governatore della Banca d'Italia per il 2004. Ne hanno parlato - dopo l'introduzione del direttore della filiale di Piacenza, Gioacchino Schembri - due figure di primissimo piano della nostra banca centrale: Giuseppe Parigi (della direzione settore reale - servizio studi) e Claudio Clemente (capo del servizio vigilanza enti creditizi). La loro analisi è stata poi “emilianizzata” e “piacentinizzata” negli interventi di Giuseppe Parenti (presidente della Camera di Commercio), Enrico Ciciotti (preside della facoltà di Economia dell'Università Cattolica) e Maria Luisa Di Battista (ordinaria di Economia degli intermediari finanziari alla Cattolica). Di fronte ai relatori una platea istituzionale, ma anche i vertici del sistema bancario piacentino, esponenti del mondo produttivo locale e dell'associazionismo. «La competitività nei confronti dell'estero si conferma come il punto di maggiore debolezza della nostra economia - ha ribadito Giuseppe Parigi - tra il 2000 e il 2004 lo sviluppo della domanda mondiale di beni è stata del venti per cento, ma l'Italia non ha saputo approfittarne. Le nostre vendite all'estero nel 2004 sono risultate infatti inferiori a quelle del 2000». Claudio Clemente ha scacciato il “fantasma” - recentemente evocato - dell'ingresso straniero nel sistema bancario italiano («il saldo tra banche estere in Italia e banche italiane all'estero - ha detto - è oggi pari, in entrambi i casi si aggira attorno all'8 per cento») ed ha sottolineato come «la concentrazione delle strutture bancarie non abbia ridotto il livello della concorrenza in termini di innovazione, diversificazione dei prodotti e dei canali distributivi, riduzione dei costi unitari». Di una «situazione emiliana nettamente migliore di quella nazionale, per quanto riguarda ad esempio l'export ed il Pil» ha riferito nel suo intervento il professor Enrico Ciciotti, precisando però che «questa non è certo una notizia trionfalistica per una regione, l'Emilia, che era una delle più forti d'Italia. Maria Luisa Di Battista ha concentrato il suo intervento sulle banche, mettendo in evidenza gli «aspetti positivi ed i grandi miglioramenti dei risultati economici ottenuti negli ultimi anni, ma anche le ombre che ancora rimangono - ha detto - in particolare nel rapporto tra banche e imprese». Il “problema competitività” è stato al centro dell'intervento di Giuseppe Parenti. «E' sempre più difficile fare impresa in un'Italia» ha osservato il presidente della Camera di Commercio, secondo il quale è importante che «il sistema bancario nazionale sia competitivo per mettere le nostre imprese nelle stesse condizioni di quelle degli altri Paesi europei. E invece - ha aggiunto - dal '96 al 2004 il costo dei servizi bancari in Italia è aumentato del 70 per cento, contro una media europea che è del 27/28 per cento. Piacenza vive una situazione di imprese abbastanza patrimonializzate, ma abbiamo pochi “impieghi” rispetto ai “depositi”, siamo ottimi risparmiatori, ma forse dovremmo investire di più per produrre ricchezza sul nostro territorio». Giorgio Lambri giorgio.lambri@liberta.it


pubblicazione: 21/06/2005
aggiornamento: 28/06/2005

 6480

Categoria
 :.  PIACENZA A COLORI
 :..  Forum Piacenza



visite totali: 3.489
visite oggi: 2
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,66
[c]




 
Schede più visitate in Forum Piacenza

  1. Gaetano Rizzuto e Libertà.
  2. Fabbriche della Felicità : Piacenza città futura : quali le scelte ?
  3. Il FUTURO di Piacenza
  4. Il "dream team" per far decollare Piacenza
  5. Intervista a GIACOMO VACIAGO.
  6. Fabbriche della Felicità : Discussione a piu' voci e affondo di Vaciago
  7. Buon 2006.
  8. Cambiamo pelle, ma restano certe debolezze storiche
  9. Le nostre libertà dipendono dalle tasse.
  10. Una società sempre più coi capelli bianchi
  11. Buon 2003 : parla Giorgio Lambri
  12. Un piano per valorizzare la Marca Piacentina
  13. La popolazione di Piacenza al 31/12/2004.
  14. Piacenza e la Via Francigena
  15. Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio
  16. I ragazzi chiedono più verde
  17. Ecco i piacentini, contenti ma scortesi
  18. Qualità della vita e ambiente «Ecco dove siamo peggiorati»
  19. La meccanica avanzata traino per l'economia piacentina.
  20. “Comunicare” Piacenza
  21. Montezemolo presidente di Confindustria
  22. Ecco i segni del risveglio di Piacenza
  23. Una scossa per Piacenza per evitare il declino
  24. Riqualificare Piacenza per svilupparla.
  25. Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza
  26. C'è chi sparge storielle.
  27. Buon 2003 : parla Gaetano Rizzuto
  28. Quale città costruiamo per i nostri figli?
  29. Il benessere per Piacenza : prima bisogna costruirlo.
  30. Buon 2007 : Per Piacenza più idee e progetti innovativi.
  31. PIACENTINITA'
  32. Tre regole per guardare avanti
  33. Il gioco di squadra a Piacenza secondo Mazzocchi
  34. Piacenza e la "squadra" per il salto di qualità.
  35. Buon 2005 dal Presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani

An error occurred on the server when processing the URL. Please contact the system administrator.

If you are the system administrator please click here to find out more about this error.