Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  AMBIENTE Piacenza  :.  Viabilità  :. Anche le suore hanno firmato contro la Ztl larga
sottocategorie di Viabilità
 :. Piano urbano del traffico (PUT)
 :. Parcheggi
 :. Piste ciclabili
 :. Mobilità
 :. Targhe alterne




sabato
4
dicembre
2021
San Saba



Anche le suore hanno firmato contro la Ztl larga

Più di mille firme contro l'ampliamento della zona a traffico limitato.
Le ha consegnate ieri all'ufficio protocollo del Comune Stefano Agosti, il portavoce del comitato "No allargamento ztl" nato dopo l'annuncio dell'amministrazione di estendere il divieto di transito senza permesso anche lungo l'asse di via Scalabrini.
Una decisione che molti di coloro che lavorano nell'area interessata hanno contestato, tanto che in pochi giorni la sottoscrizione ha raggiunto quota 1100.
Ieri mattina Agosti, accompagnato dal Mauro Saccardi (consigliere di Circoscrizione del Popolo della libertà, commerciante e residente in centro storico), ha provato a consegnare il faldone con i moduli al sindaco Roberto Reggi.
Il quale, però, era impegnato con altre persone e non ha potuto riceverli, promettendo però di ricontattarli al più presto.
«Speriamo di potergli parlare prima della entrata in vigore del provvedimento, attesa prima di Natale - ha commentato Agosti - in modo che possa ascoltare le nostre ragioni e magari cambiare idea: noi non siamo contro le zone a traffico limitato in assoluto, ma contestiamo questo ampliamento, che porta solo penalizzazioni e nessun vantaggio. Togliere il passaggio e i posteggi in una zona così strategica non ha senso, si creano solo grandi disagi senza avere benefici per l'ambiente: abbiamo il sospetto che si voglia incentivare la gente a posteggiare alla Cavallerizza, dove il nuovo multipiano stenta a decollare».
Non credete che sia tardi per chiedere alla giunta di fare marcia indietro su un provvedimento annunciato da mesi e in procinto di entrare in vigore?
«Noi forse ci siamo mossi un po' tardi - ha risposto il portavoce del comitato - ma l'ultima versione, quella più dura e che non piace a nessuno, è molto recente: ci ha colti assolutamente di sorpresa, tanto che qualcuno starebbe anche valutando se ricorrere al tribunale per chiedere i danni subiti. La prima ipotesi, con il circuito tra via Santo Stefano, via Scalabrini, via Torta e lo Stradone, non ci dispiaceva, mentre quella con il solo passaggio da via Vescovado e via Nicolini non va bene. E l'apertura dei chiostri del Duomo non è certo sufficiente a compensare la perdita di passaggio e di posti auto in via Scalabrini. Non ci sembrerebbe assurdo se l'amministrazione bloccasse tutto e aprisse un vero confronto con tutti coloro che sono interessati da questo provvedimento».
Tra i 1.100 firmatari della petizione per chiedere lo stop all'allargamento della zona a traffico limitato ci sono molte categorie di persone:
«Residenti, commercianti, liberi professionisti che hanno gli uffici nelle vie interessate, medici, artigiani, anche molti religiosi, comprese le suore scalabriniane - hanno rivelato i promotori - e molti ancora sono pronti a firmare. Anche perché non si tratta di una ztl davvero efficace, visto anche sono migliaia i permessi consessi ogni anno: a questo punto è meglio una zona pedonale più piccola ma vera, inaccessibile davvero alle auto. E tutto attorno le strutture e i servizi per raggiungere con comodità il centro storico. Ma oggi mancano anche quelli, a partire dai parcheggi gratuiti o a prezzi accessibili».
Michele Rancati
LIBERTA' del giorno 08/12/2010



«Restrizione un po' forzata in una zona in cui non serve»

(mir) Luigi Ferraroni, assessore alla Viabilità della giunta Guidotti (1998-2002), è il "papà" della zona a traffico limitato nella versione "moderna", ossia con le telecamere a sorvegliare i varchi principali.
«Le facemmo installare proprio negli ultimi mesi di mandato - spiega - sfruttando un contributo a fondo perduto della Regione, che coprì il 70 per cento delle spese. I nostri successori dovettero solo accenderle e metterle in funzione».
Come giudica l'ampliamento della ztl deciso nelle scorse settimane dall'amministrazione Reggi?
«Premetto che in tema di circolazione non ci sono certezze assolute - risponde Ferraroni - e che gli automobilisti si muovono secondo logiche non scientifiche, quindi non si possono fare previsioni sicure al cento per cento. Dal mio punto di vista, che come vigile urbano motociclista ha girato molto Piacenza, penso che l'ultimo provvedimento sia un po' forzato e vada a toccare un comparto in cui non c'era effettiva necessità di limitare il traffico. Avrei visto meglio, ad esempio, allungare il divieto di accesso senza pass in via Giordani fino allo Stradone Farnese, come avevamo ipotizzato noi al tempo: così facendo si metterebbe in sicurezza anche la scuola elementare, che non sarebbe cosa da poco».
Quel progetto prevedeva anche lo Stradone a senso unico verso il Dolmen, via IV Novembre a senso unico da barriera Genova a via Patrioti, l'ultimo tratto di via Giordano a senso unico verso il Facsal.
«Si creerebbe un anello che alleggerirebbe la circolazione - chiarisce l'ex assessore - magari con corsie per i bus e piste ciclabili vere. Ma via Scalabrini dovrebbe comunque rimanere accessibile a tutti, almeno da via San Vincenzo o da Santo Stefano in poi. La ztl deve essere piccola ma davvero sorvegliata e servita dal trasporto pubblico e dai parcheggi: oggi, purtroppo, non è così, quindi l'allargamento sembra ancora più pesante di quello che è in realtà. Tra l'altro lasciare come unico accesso strade strette come via Nicolini o via Torta rischia di creare problemi di inquinamento, con lo smog che non riuscirà a essere smaltito in maniera soddisfacente».





pubblicazione: 08/12/2010

Categoria
 :.  AMBIENTE Piacenza
 :..  Viabilità



visite totali: 984
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,24
[c]




 
Schede più visitate in Viabilità

  1. Parcheggiare a Piacenza
  2. Parcheggi, Piacenza tra le città meno care
  3. Un parcheggio nella caserma Pontieri
  4. Addio semafori, la città si fa "rotonda"
  5. Nuovo ponte sul Trebbia, ecco come sarà
  6. "Traffico - Rotatorie, si stringono i tempi"
  7. Oggi primo giovedì senza limitazioni al traffico: un addio senza rimpianti
  8. Ponte galleggiante pronto il 17 ottobre
  9. «Più di 31mila sui bus navetta».
  10. Città assediata da 150mila auto
  11. Auto più bicicletta con il biglietto della sosta.
  12. «Una città senza traffico? Si può»
  13. Approvate le targhe alterne Ma è scontro
  14. Rivoluzione nel traffico: auto a 30 all'ora dal 23 gennaio nella città storica
  15. Viabilità, giro di vite sui mezzi pesanti
  16. Targhe alterne al giovedì e venerdì.
  17. Corso Europa aperto alle auto.
  18. Approvata l'intesa per la mobilità sostenibile.
  19. Metropolitana leggera lungo le mura farnesiane
  20. Merci in città, caos da evitare
  21. “Cartellino rosso” per i camion
  22. Autobus “sicuri” da casa a scuola
  23. Nel 2005 targhe alterne a volontà
  24. Autobus “sicuri” da casa a scuola
  25. Soste più costose in centro storico
  26. «Piazze senza bus? L'idea c'è»
  27. Via Roma chiusa, è già polemica
  28. Area espropriata - Rotonda di via Morigi, Garilli all'incasso
  29. Piacenza paralizzata dalla neve
  30. A Barriera Milano arrivano le “strisce blu”
  31. Targhe alterne e centro blindato
  32. Centro vietato per le vecchie auto
  33. Il metrò leggero.
  34. Freddo e targhe alterne : perchè non attivare lo scuolabus ?
  35. «Targhe alterne, provvedimento inutile»

esecuzione in 0,093 sec.