Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Sindaco  :. Al telefono col Sindaco Reggi (prima parte)
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




mercoledì
2
dicembre
2020
Santa Bibiana



Al telefono col Sindaco Reggi (prima parte)

"Contro lo smog deviamo i camion sulle tangenziali"

Libertà pubblica le domande che i cittadini hanno rivolto al sindaco, Roberto Reggi, e le risposte che il primo cittadino ha fornito grazie al filo diretto che il nostro quotidiano ha attivato con Palazzo Mercanti: moltissime le chiamate telefoniche pervenute mercoledì nello studio di Telelibertà, altrettanti i fax e le e-mail giunte in redazione.
I temi sono decisamente variegati e toccano il panorama della problematiche con cui i piacentini hanno a che fare quotidianamente.
Tuttavia, la parte del leone spetta al blocco del traffico, alle targhe alterne e allo smog, di cui i piacentini stanno subendo gli effetti proprio in questi giorni.
Nel lungo filo-diretto, il sindaco ha sempre difeso e sostenuto la priorità della salute su qualsiasi altra considerazione di ordine più pratico, pur nella consapevolezza dei disagi creati.
Ma non solo qualità dell'aria, i temi toccati sono stati i più svariati.
Dal cittadino anziano che, dovendo vivere con una pensione ridotta al minimo, si lamenta del rincaro delle medicine, a quello che contesta il rincaro dell'Imposta comunale sugli immobili.
Ci sono poi strade e marciapiedi a infiammare alla grande la protesta dei cittadini, stanchi di avere a che fare quotidianamente con buche, dissesti e sporcizia. Ma anche la mancanza di adeguate strutture sportive, come il bocciodromo, ha tenuto banco. C'è poi chi non è soddisfatto delle opportunità extralavorative che offre la città e chi si lamenta della qualità dell'acqua, allarmato forse da certi dati non troppo confortanti, o i genitori che si preoccupano dell'insufficienza di aree verdi per far giocare i propri figli. E, a proposito di verde, non sono pochi i cittadini che chiedono, oltre a un migliore decoro urbano, la pulizia dei parchi e dei giardini: sotto accusa i proprietari dei cani, che permettono alle proprie bestiole di fare i bisogni ovunque. Come si evince dalle domande riportate, i temi toccati nel corso del colloquio con il sindaco Reggi hanno una valenza prettamente personale: tanti, tantissimi i problemi di esistenza quotidiana.


Montale è scarsamente collegata alla città, il traffico è impossibile, le aree verdi scarseggiano, il problema della prostituzione è sempre grave. Non basterà la presenza del centro commerciale a risolvere tutto questo.
Lella

«Sicuramente il centro commerciale porterà grossi benefici in termini viabilistici: verrà realizzata una “bretellina” che scaricherà il centro di Montale dal traffico della via Emilia. Dall'inizio della nostra amministrazione abbiamo aggiunto una linea di collegamento da Montale alla città che però non è utilizzata, per cui dovremo capire la richiesta da soddisfare. Nel piano urbano che andremo a rivedere, analizzeremo anche i collegamenti e le esigenze della zona in questione».

Perché eliminare il parco di via Farnesiana per spostare gli uffici comunali in questa zona?
Marco Rossetti

«In questa zona, fino a settembre del 2002, era presente l'Unicem e c'era un flusso continuo di camion: con lo spostamento dell'Unicem a Lugagnano, trasferito su nostra sollecitazione, è stato eliminato il traffico pesante. E' stato venduto ad un privato, che intende realizzare anche abitazioni, ma manterrà un grande parco che verrà restituito alla città. Mi rendo conto che sarebbe meglio avere tutto parco, ma i privati hanno una legittima aspettativa di ritorno economico e dobbiamo consentire loro di realizzare interventi edilizi, purché siano rispettati criteri di qualità ambientale e viabilità. Riteniamo, inoltre, che per gli uffici comunali qui sia la collocazione più idonea. Oggi abbiamo oltre 20 sedi e ciò crea un'inefficienza spaventosa all'interno della macchina comunale solo per i trasferimenti: lo spostamento di questi uffici comunali in un unico palazzo porterà un recupero rilevante dell'efficienza della macchina comunale. Gli uffici verranno trasferiti in questa zona perché, anche con gli interventi viabilistici che si stanno realizzando, sarà comunque un luogo sufficientemente vicino alla tangenziale, scaricando il traffico dal centro».

Devo recarmi in centro per svolgere il mio lavoro tre volte alla settimana, dalle 17.30 alle 22 Con le targhe alterne è un grosso problema.
Antonella Rancati

«Hanno sollecitato in tanti questo problema, in particolare chi lavora nel terziario. Stiamo lavorando per trovare una soluzione».

Le targhe alterne sono un ostacolo alla mia attività, in termini di tempo per il trasporto merci da un furgone ad un altro nei giorni in cui non posso circolare con il mezzo che uso solitamente. La mia attività lavorativa è fortemente danneggiata. Non sarebbe più opportuno intervenire su altri fronti di inquinamento? Non si dovrebbe agire anche sulla Centrale Levante e sulla Cementirossi?
Gabriele Boselli

«Per il trasporto merci, stiamo pensando di creare una serie di punti di scambio attorno alla città dove far convogliare le merci e, da lì, far partire mezzi ecologici che andranno a servire vari punti di smercio finale. Ho discusso di questo progetto con il presidente Errani e ho richiesto un finanziamento rilevante. Questo aiuterebbe i trasportatori che utilizzano i mezzi propri, in genere più inquinanti, per il trasporto delle merci. Spero che la Regione ci aiuti. Con la centrale Levante e con la Cementirossi che scaricano maggiormente sostanze inquinanti, abbiamo firmato un protocollo di intesa che limita il loro inquinamento, in particolare nei confronti delle polveri fini: la Centrale Levante in questo periodo funziona a gas. Altre città come Parma, Reggio e Modena che non hanno queste centrali a ridosso della città hanno valori di inquinamento maggiori: dunque non sono queste centrali che determinano la presenza di un forte inquinamento. Dobbiamo limitare invece il traffico pesante, facendo convogliare il traffico sul tratto di tangenziale che collega Piacenza Sud a Piacenza Ovest e il tratto di tangenziale Sud esistente. In futuro, quando la tangenziale Sud sarà completa e avremo la bretella di collegamento con il ponte sul Po, il problema sarà risolto».

Abito in città (Stradone Farnese) e la domenica per andare a trovare la mamma, invalida, devo raggiungere Carpaneto, che, a causa del provvedimento del blocco di circolazione, è isolata. Come posso fare?
Valeria Ghittoni

«Se è in possesso della documentazione riguardo alla mamma, deve presentarla nel momento in cui la fermano, oppure utilizzare i bus navetta messi a disposizione dal Comune».

Sono una signora anziana ed ho bisogno di ansiolitici. Inoltre, sono ipertesa e prendevo una medicina salvavita che non dovevo pagare: ora costa invece 3.71 euro. Sono una pensionata e percepisco una pensione minima (624 euro mensili): spendo al mese circa 160-170 euro in medicinali. Come posso fare?
Fantini

«Se ricade nelle norme del Comune al di sotto di una norma di reddito per medicinali, si ha diritto ad un contributo da parte del Comune. Per ulteriori informazioni, si rivolga in via Taverna, 39».

Sono architetto e ho presentato un progetto per realizzare una metropolitana leggera nel giro di superficie. Il provvedimento delle targhe alterne certo è un buon passo avanti, ma c'è da considerare l'inquinamento emesso dalla centrale e anche dal cementificio.
Paolo Garilli

«Una metropolitana di superficie è da prendere in considerazione, ma si devono valutare bene i costi e chi la realizza. In altre città europee, queste opere funzionano bene, ma la nostra dimensione forse non è altrettanto conveniente per questo progetto».

Il problema smog, secondo me, non deriva solo dalle auto. Ad esempio, sarebbe utile tenere sotto controllo l'inceneritore. E comunque cosa ci aspetta adesso che sta per scadere l'ordinanza delle targhe alterne? E poi, è davvero stata utile al fine di migliorare la qualità dell'aria?
Milly Morsia

«Da ingegnere, sono abituato a guardare e riflettere bene sui dati. E i dati dicono che le targhe alterne servono. E se qualcuno nutre dei dubbi, basta il confronto con altre città dove questo provvedimento non è stato preso: ad esempio Parma, che da ottobre a dicembre non ha applicato le targhe alterne. Se si confrontano i dati con Piacenza e Reggio Emilia, dove il provvedimento è stato attuato, si è registrata una diminuzione del 10-15% per cento di polveri. Con questo non voglio dire che, solo limitando la circolazione, si risolva il problema in modo definitivo. Occorrono ulteriori provvedimenti: in primo luogo, il completamento delle tangenziali (lo stiamo facendo) e il blocco del traffico pesante in città (lo stiamo facendo). Altro elemento inquinante è lo scambio di merci in città: in questo senso, il progetto di interscambio ed intermodalità da realizzare alla periferia della città, servirà proprio a limitare il transito dei mezzi commerciali inquinanti. L'altro aspetto è relativo alle industrie. E' in atto la riconversione della centrale EdiPower, che funzionerà totalmente a metano; l'impianto della Cementi Rossi ha già fatto una riconversione, ha introdotto dei filtri, e quindi ha limitato le emissioni; l'inceneritore è tenuto sotto controllo: i cittadini che lo desiderino possono guardare i dati pubblicati sul sito Internet. Altri, poi, gli interventi previsti, come gli incentivi per rinnovare il Parco auto privato: la Regione sta studiando un piano ad hoc. Per il discorso delle targhe alterne, è vero quello che dicono gli ambientalisti: in alcune città, come a Torino, i due giorni scelti sono feriali ravvicinati (giovedì e venerdì): il sabato e la domenica, infatti, si ha una riduzione fisiologica dell'inquinamento. Per una maggiore efficacia nella riduzione dell'inquinamento, dunque, possiamo proporre il giovedì e il venerdì. Certo i commercianti avranno qualche problema ad accettare una soluzione di questo tipo, ma se vogliamo ottenere risultati per la nostra salute, dobbiamo ragionare e trovare la via più indicata. Stiamo ragionando anche su quelle iniziative che rendano conveniente la mobilità alternativa, e quindi, il mezzo pubblico: dai parcheggi scambiatori ai bus gratuiti. Tutte soluzioni inserite in un pacchetto che verrà presentato a breve e farà parte di un accordo regionale per il prossimo anno.

Sono un appassionato bociofilo, come altri piacentini aspettiamo un bocciodromo comunale. Mi può dire qualcosa in merito?
Angelo Pedretti

«L'amministrazione precedente aveva scelto di collocare il bocciodromo alla Cavallerizza (posto infelice), per cui abbiamo spostato la collocazione. Abbiamo approvato in Giunta un piano di recupero urbano della zona dell'ex Fiera campionaria, anche ex Arbos: proprio in quel comparto, sarà realizzato il nuovo bocciodromo, a cura del privato che farà l'intervento di ristrutturazione dell'ex Arbos. Siamo riusciti ad ottenere questo impegno nell'ambito di una contrattazione con questo soggetto privato, per cui nel giro di qualche mese inizieranno i lavori. Quindi, prima della fine del mio mandato, sono certo di consegnarvi il nuovo bocciodromo comunale. Non so dire con certezza quando inizieranno i lavori, ma abbiamo chiesto tempi rapidi».







pubblicazione: 07/03/2003
aggiornamento: 10/08/2004

Al telefono col sindaco 3198
Al telefono col sindaco

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Sindaco



visite totali: 3.415
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,52
[c]




 
Schede più visitate in Sindaco

  1. Erano le 10 cose importanti del programma di Roberto Reggi
  2. Chi è Roberto Reggi
  3. Maratona pericolosa
  4. Sgarbi bacchetta Reggi per Gaspare Landi.
  5. Blitz delle “Iene” in municipio a colloquio con Reggi e la Fellegara
  6. Parte la missione “Porta d'Oriente”
  7. Reggi è tornato dalla Cina.
  8. Soldi a Gambardella, Polledri contro Reggi
  9. Reggi querela Sgarbi.
  10. DELUSO DA REGGI.
  11. Dio lo vuole ! Reggi e la serie B
  12. Primarie per Reggi : farà ancora il sindaco o l'onorevole?
  13. Reggi espone la bandiera della pace
  14. Al telefono col Sindaco Reggi (prima parte)
  15. Nel futuro bus gratis per tutti.
  16. Reggi in India a Vayithiri.
  17. L'atto di accusa di Reggi al suo ex assessore
  18. LA VITTORIA DI REGGI
  19. Grillo: Reggi ha un conflittino di interessi.
  20. In Tesa e Tempi voglio persone di fiducia
  21. Al telefono col sindaco Reggi (seconda parte).
  22. Ex Acna, ho denunciato Reggi e l'Amministrazione.
  23. Reggi liquida Gelmini.
  24. Cala il gradimento....
  25. Menefreghista dell'anno.
  26. «Inizia il tempo delle svolte culturali»
  27. Reggi conquista Piacenza
  28. Il sindaco va in Cina (chi paga ???? )
  29. Reggi : ora Centropadane mi ascolta
  30. L'ascolto del sindaco Reggi.
  31. Bioetica e famiglia : politica locale e valori evangelici.
  32. Il Reggi castigamatti scatena la polemica
  33. Il sindaco Reggi "scivola" sui pasticcini del Balzer.
  34. Dosi: «Sarò sindaco di tutti»
  35. Reggi in rotta di collisione coi vigili ed il personale comunale.

esecuzione in 0,125 sec.