Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  PIACENZA A COLORI  :.  Piacenza vista dagli altri  :. Al Jazeera fa festa nella città delle Crociate
sottocategorie di PIACENZA A COLORI
 :. Colori piacentini.
 :. Eventi.
 :. Forum Piacenza
 :. Ritratti.
 :. Piacenza vista dagli altri




venerdì
30
ottobre
2020
San Gerardo



Al Jazeera fa festa nella città delle Crociate

di ANDREA MORIGI

Pubblichiamo a scopo informativo il "duro" l'articolo apparso sulla prima pagine del quotidiano Libero del 29 ottobre 2006, a firma Andrea Morigi.


Arrivano gli islamici di Al Jazeera, invitati dall'amministrazione locale a una festa per il decennale della tv del Qatar.
L'invasione culminerà il prossimo primo novembre nella conquista del teatro comunale, ma il centro della città in cui nel 1095 fu bandita la prima Crociata è già occupato da anni.

All'imbrunire, piazza Cavalli si trasforma in una casbah piena di immigrati (in città sono il 9,3% dei residenti), che si alimentano negli spacci di kebab di via Roma.

Mentre i piacentini abbandonano il capoluogo e si trasferiscono in campagna, gli unici in grado di tener testa agli islamici sembrano essere i negozianti cinesi di via XX settembre.

In occasione del grande evento multietnico che si svolgerà guardacaso il giorno della festa di tutti i Santi, sarà precluso invece l'accesso ai cittadini che intendono protestare contro quella che il senatore leghista Massimo Polledri definisce «una televisione fiancheggiatrice dei terroristi». Dalla Questura, sebbene informalmente, arriva il veto assoluto.
C'è molta più libertà sotto le dittature islamiche, che almeno lasciano bruciare in effigie il Papa e le bandiere danesi perché recano una croce.

Qui solo il quotidiano "La Cronaca" esce dal coro, con due articoli di Gianfranco Salvatori che danno voce alle critiche del centrodestra.
L'altra testata locale, infeudata all'Unione, fa finta di nulla.

«Ma questo è l'Occidente buonista che confonde il dialogo con la resa», attacca Polledri, ricordando che uno Stato a maggioranza islamica come la Tunisia ha ritirato il proprio ambasciatore in Qatar per reazione all'ininterrotto incitamento jihadista, che manda continuamente in onda le immagini di bambini adorni di cinture esplosive, quasi fossero un modello di educazione per le giovani generazioni di musulmani.

Dettagli ignorati dall'assessore comunale Giovanna Calciati che, in un'intervista concessa a Il Federalismo, nega che l'amministrazione sia la promotrice dell'iniziativa. Scarica la responsabilità sulla dirigenza del teatro, ma ne difende le ragioni.
Sostiene che «in termini di ritorno d'immagine» la città avrà «solo guadagni», senza costare un centesimo ai cittadini.
I costi, 80mila euro, pare li paghi tutti Al Jazeera, in collaborazione con Rai Trade che si occuperà anche delle riprese tv.
Com'era prevedibile, saranno rigorosamente escluse dal menù le specialità locali: a partire dai vini Gutturnio, Ortrugo, Barbera, Malvasia dolce, ai piatti tipici, gli anolini in brodo, i pisarei e fasö, la coppa arrosto e il mitico liquore Bargnolino.
Alcool e carne di maiale sono tabù per la sharia perfino nell'Emilia dove tutto è permesso.

A Piacenza si può circolare legalmente contromano, purché in bicicletta, nelle vie del centro.
Ma sono le solite trovate progressiste che nascondo no le più assurde proibizioni.
Ufficialmente si vuole incrementare l'utilizzo del velocipede.
Così si chiudono le corsie per le automobili per aprire piste ciclabili.
La viabilità è ostruita da mercatini ecosolidali, fiere di beneficenza, campi di calcio e di basket improvvisati sulla strada, con tanto di strepiti degli atleti in gara.
Bloccati tutti i permessi di accesso al centro, rimasto completamente senza parcheggi e costellato di fioriere semovibili che ostacolano la consegna delle merci ai commercianti.

Tutte misure che hanno ottenuto il magico risultato di desertificare le vie principali dai negozi per consegnarle alle orde di incivili che hanno preparato il terreno ad Al Jazeera.

Del resto, non è la prima volta che qui si sperimenta il trapianto di culture esotiche.
In piazza San t'Antonino campeggia un inquietante ma simbolico ulivo importato dalla Spagna al costo di 17mila euro.
Schiatterà entro la primavera, come l'Ulivo, visto il clima poco mediterraneo della Pianura Padana.

Ma l'oltraggio al bel canto, i melomani locali non lo accettano, in uno dei grandi templi della lirica, che ospita l'orchestra giovanile Cherubini, diretta dal maestro Riccardo Muti.
Non capiscono come la Giunta comunale abbia potuto permetterlo.

Eppure non è la prima sfida clamorosa al patrimonio storico, culturale e religioso locale.
Provocatori sì, ma fino a un certo punto e sempre in un'unica direzione, è la parola d'ordine della coalizione di centrosinistra guidata dal sindaco Roberto Reggi.
Il 17 luglio 2004, a Soarza di Villanova, l'assessore ai Servizi demografici Manuela Bruschini aveva organizzato un'altra sontuosissima festa dove veniva messo alla berlina un invitato vestito da Gesù Cristo.
Bravate da borghesucci di provincia, capaci di prendersela solo con chi non li minaccia.
Di certo non oseranno tanto con i fondamentalisti, anche se ad Al Jazeera avevano definito suor Leonella Sgorbati - la suora uccisa il 17 settembre scorso in Somalia dai terroristi islamici - un bersaglio da condannare a morte perché diffondeva il cristianesimo.
Del resto, l'unità d'intenti anticristiana è palese. Per il centrosinistra in crisi d'identità l'ultima spiaggia del nichilismo sconfina con la legge coranica.
Andrea Morigi, Libero del 29 ottobre 2006


pubblicazione: 29/10/2006
aggiornamento: 14/01/2007

 11118

Categoria
 :.  PIACENZA A COLORI
 :..  Piacenza vista dagli altri



visite totali: 3.792
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,74
[c]




 
Schede più visitate in Piacenza vista dagli altri

  1. La classifica del "Gambero rosso" premia i salumi di Saronni
  2. Carlo Azeglio Ciampi e il quotidiano Libertà
  3. Sole 24 Ore : Classifica del benessere, Piacenza al 30° posto
  4. Città più malsane d'Italia, Piacenza è all'ottavo posto.
  5. Il benessere non abita più a Piacenza
  6. PIASEINZA, AT VOI BEIN
  7. Debiti bancari, Piacenza nei guai.
  8. Al Jazeera fa festa nella città delle Crociate
  9. Italia Oggi : Rapporto qualità della vita 2004, Piacenza al 26° posto.
  10. Piacenza sempre più vivibile
  11. "Non siete più la Provincia Cenerentola".
  12. Tasse locali, a Piacenza per ora le più soft
  13. Indagine MonitorCittà: Piacenza 67esima nel primo semestre 2005.
  14. Una “maglia nera” che preoccupa.
  15. ‘Top ten' del buon vivere, è capitombolo.
  16. Piacentini meno ricchi e più indebitati
  17. La felicità non abita qui: Piacenza è la città più triste d'Italia
  18. Qualità della vita, Piacenza scende ancora
  19. Crescita potenziale : Piacenza al 13° posto
  20. Piacenza, solo una “ripresina” nel 2003.
  21. Qualità della vita in frenata
  22. Dossier "Italia Oggi": Piacenza passa dal 26esimo al nono posto.
  23. Vivere bene, Piacenza sale
  24. I FIURDALIS
  25. AL CENTRO RESTA L'UOMO
  26. Qualità della vita, la caduta non si ferma
  27. Piacenza sale nella qualità della vita.
  28. Qualità di vita: promossi anche da Italia Oggi
  29. L'indagine del Sole 24 ore
  30. Piacenza sempre a misura di bambino.
  31. Pasquetta a Piacenza, peripezie del turista per caso
  32. Ambiente a Piacenza: ancora in castigo
  33. Asili nido, Piacenza penultima in regione
  34. «Siamo nella media, quindi andiamo male»
  35. Piacenza tra le magnifiche dieci

esecuzione in 0,078 sec.