Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  TENDENZE  :.  TREND  :. «Quando parla il rivale scuotete la testa»
sottocategorie di TENDENZE
 :. TREND
 :. CLASSICO




domenica
5
dicembre
2021
San Giovanni Damasceno



«Quando parla il rivale scuotete la testa»

Il Cavaliere spiega come non farla passare liscia all'avversario.

Una cosa almeno, adesso, è chiara: molto, moltissimo della prossima campagna elettorale si giocherà su chi sarà più bravo nel comunicare.
Su questo fronte, al momento, Berlusconi e Prodi si sentono fragili.
Lo sanno, stanno pensando di correre ai ripari.
Se lo slogan del primo Clinton fu «It’s the economy stupid», se lo slogan del primo Bush (di
Karl Rove, insomma), fu «Charisma isn’t everything» (il carisma non è tutto), il mantra di Silvio e Romano è già scritto: «Primum, comunicare».
Ecco dunque che ieri, al consiglio nazionale di Forza Italia, Berlusconi detta i suoi cinque comandamenti, come ci si comporta in tv davanti all’avversario «comunista».
Se quello scuote la testa anche se voi state rivelando la ricetta per recuperare in cinque mesi il potere d’acquisto ante-euro, non fategliela passare liscia.
Ripagatelo della stessa moneta.
Esperta nel giochino subliminale s’è rivelata, per dire, Stefania Prestigiacomo.

Ancora, e sempre secondo il verbo berlusconiano: se il conduttore cripto-prodiano vi infila una pausa pubblicitaria prima di darvi la parola, bloccatelo:
«Eh no, carino. Così non si fa». «Carino» l’ha detto lui, il Cavaliere.
Sconsigliabile applicarlo alla lettera.

Dicono che nelle riunioni riservate Berlusconi abbia, almeno in parte, recuperato lo spirito del ’93, una versione riveduta e corretta del «o la va o la spacca».

Il senso delle sue meditazioni potrebbe essere così riassunto: quel che si poteva fare l’abbiamo fatto, d’ora in poi ci concentreremo su alcune riforme ancora possibili, per esempio quella elettorale (leggi scorporo).
Per il resto, due, e soprattutto due, saranno le direttrici di marcia: la comunicazione e il lavoro pancia a terra sul territorio.

«Nel 2001 risolvevamo tutto con la comunicazione centralizzata - ha spiegato ai suoi Berlusconi -.
C’ero io, c’erano i manifesti. Stavolta è diverso. Il messaggio non può essere lo stesso a Bolzano e a Canicattì».
Perciò, bisognerà mobilitare almeno duemila persone per collegio, per parlare, spiegare, girare come una trottola sul territorio.
Il resto della comunicazione andrà affidato ad altri mezzi, in primis alla tv.
Per questo il Cavaliere insiste tanto sulla par condicio: «Nella campagna elettorale di Bush e Kerry - ha spiegato - non c’era un manifesto.
È stato tutto giocato con gli spot in tv, fino all’ultimo giorno».

Ma l’amico George W. non è il solo esempio vincente sul quale Berlusconi medita in questi giorni.
Sulla sua scrivania di palazzo Grazioli giacciono da giorni foglietti di provenienza londinese.
Son quelli che si stampano col computer, pinzati con semplicità: a ogni riga, un provvedimento, un risultato ottenuto dal governo.
È il sistema Tony Blair, durante la campagna elettorale l’inquilino di Downing Street li ha fatti arrivare in ogni villaggio della Gran Bretagna.
Nel ’93, mentre meditava la discesa in campo, il Grande Comunicatore Berlusconi guardava al precedente del suo vicino di casa alle Bermuda, Ross Perot.
Stavolta, gli esempi vincenti ai quali ispirarsi sono almeno un paio.
E da Tony Blair, certo, c’è da imparare.

Maria Latella, Corriere della Sera del 29 luglio 2005
29 luglio 2005


pubblicazione: 29/07/2005

 6710

Categoria
 :.  TENDENZE
 :..  TREND



visite totali: 2.901
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,48
[c]




 
Schede più visitate in TREND

  1. Accessori d'autunno 2004, dalla testa ai piedi.
  2. Irrinunciabili d'autunno 2006
  3. Georg Gaenswein
  4. Jimmy Choo
  5. La rivincita della cellulite sul polimero
  6. 2008 : Pronti al sole, dagli accessori agli zoccoli.
  7. Borsa trendy
  8. Shoes woman spring/summer 2005.
  9. Gli «urletti» della Sharapova sul cellulare
  10. Stivali GLAM
  11. Le gambe si riprendono la fantasia.
  12. Must have.
  13. Galosce di gomma, nuovo mito autunnale
  14. Riga bianconera.
  15. Toglietemi tutto ma non le mie Spanx
  16. L'estate dei beach bar
  17. L'orologio Junghans.
  18. Pneumatici riciclati per borse regalo ecocompatibili
  19. In vendita nei negozi il jeans che fa dimagrire
  20. E' sempre più febbre vuvuzela
  21. La guerra delle altezze
  22. Dieci MUST per una primavera da star
  23. Se lo stipendio più basso tocca alle donne obese
  24. Ecco il nuovo passaparola per vendere la moda giovane.
  25. Il barefooting
  26. Fendi e il mito della Baguette
  27. Tendenze . Consumi, ora la sfida è sui single.
  28. I vip migrano in Salento
  29. L'abbuffata al buffet
  30. Tod's, grazie Silvio per la pubblicità
  31. Moda SUDOKU
  32. L'insostenibile leggerezza della rata
  33. Coperta anticefalea e Omega 3, la valigia delle vacanze vip.
  34. La "rivoluzione" dei Loftcube.
  35. Le tendenze beachwear.

esecuzione in 0,203 sec.